LOGIN

Iscriviti per inserire eventi, foto, video



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Al via in agosto il Festival internazionale di musica di Portogruaro
News
Written by Musicologi   
Tuesday, 23 July 2019 13:28
There are no translations available.




La Fondazione Musicale di Portogruaro è pronta a riabbracciare il suo affezionato pubblico, sulla scia della consolidata tradizione del Festival internazionale di Musica di Portogruaro, il cui programma è il 23 luglio.

Come sempre i concerti si terranno al Teatro Russolo e nei più bei palazzi, nelle ville, nelle chiese e nelle piazze della città e dei dintorni.
Il Festival 2019 si propone di indagare il “Paradigma romantico” al quale sono legate le composizioni degli artisti geniali che frequentavano casa Schumann. E prosegue fino a incontrare i discendenti e i collaterali di tanti maestri, da Reinecke a Dohnanyi, da Smetana, a Gounod per il quale il Festival si è persino dotato di un pianoforte a pedali! E poi Verdi e avanti fino a Mahler, Reger, Schönberg. Non mancheranno digressioni al repertorio antico come pure alle più recenti espressioni compositive. A compendio di tutto, gli incontri di musicologia denominati “Penombre” condotti da illustri studiosi. I docenti delle Masterclass estive daranno vita a innumerevoli gruppi cameristici alternandosi con grandi orchestre, solisti e gruppi cameristici ospiti. La compagine artistica sarà poi arricchita da numerosi giovani concertisti che daranno vita a “laboratori di musica da camera” coordinati dai docenti delle masterclass.

 

L'inaugurazione martedì 20 agosto alle ore 21 al Teatro Russolo è affidata a Roberto Prosseda

Roberto Prosseda, artista di grande fama e attento alla ricerca affronta un accattivante repertorio sette-ottocentesco con il suo pianoforte con pedaliera, anche detto "pedal piano". Un pianoforte doppio, dotato di una pedaliera simile all'organo. Questo strumento, che nei secoli scorsi era suonato nei salotti e nei teatri e contava diverse composizioni dedicate (lo stesso Schumann ha composto molto per esso), è oggi quasi scomparso dalle sale da concerto e dalla storia della musica. È stato recentemente riscoperto, grazie proprio a Prosseda, autorevole pianista tra i più attivi nella scena internazionale. Prosseda (celebre fra l'altro per la sua incisione dell'integrale pianistica di Mendelssohn per la Decca) è a tutt'oggi l’unico a tenere concerti con questo affascinante strumento.


Il Friuli Venezia Giulia partecipa con una delle sue eccellenze: il Coro del Friuli Venezia Giulia, nel diretto da Cristiano dell'Oste (29 agosto, Concordia Sagittaria). Un concerto corale di musica sacra, con il suggestivo organico a doppio coro: i Mottetti di Johann Sebastian Bach - considerati tra i capolavori del repertorio sacro bachiano - sono seguiti dai Salmi a doppio coro di Mendelssohn, anch'essi tra le opere più suggestive del maestro di Amburgo. Il denso contrappunto della tecnica corale e l'intensità espressiva che entrambi gli autori hanno consegnato a queste pagine religiose consegneranno al pubblico un'esperienza dal grande impatto emotivo.

 

Anche la vicina Slovenia è rappresentata con una delle sue più importanti istituzioni musicali: l'Orchestra Filarmonica Slovena sarà protagonista del concerto del 12 settembre sempre al Teatro Russolo di Portogruaro per uno dei momenti più significativi del Festival: grande per la sua storia, per le dimensioni e soprattutto per competenza e sensibilità, affronterà due opere titaniche (per impatto e difficoltà) dell'Ottocento europeo: la Sesta Sinfonia "Pastorale" di Beethoven, una copia manoscritta della quale l’autore dedicò proprio all’orchestra di Lubiana, e il Concerto per violino di Brahms, che vedrà impegnato in veste di solista Ilya Grubert, da anni colonna portante del Festival e delle masterclass internazionali di Portogruaro.

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter


Direttore responsabile: Piero Cargnelutti - Caporedattore: Piero Cargnelutti - Registrazione del Tribunale di Tolmezzo n. 141 dell'8/4/2003
Webmaster Lorenzo Tempesti | Grafica Francesca Luzzi
La redazione declina ogni responsabilità riguardo a errori o imprecisioni nelle informazioni riportate.
(C) 2000-2012 Associazione Musicologi c.f. e p.iva 02177400302 - Inviate le vostre segnalazioni a info@musicologi.com