LOGIN

Iscriviti per inserire eventi, foto, video



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Gone with the swing a Cormons
Recensione Concerto
Scritto da GWTS   
Mercoledì 25 Dicembre 2013 13:38



E’ stato un concerto davvero speciale quello che sabato 21 dicembre ha visto la Big band “Gone with the Swing” esibirsi con tre musicisti d’eccellenza, nomi preziosi del panorama jazzistico (e non solo) italiano, quali: Davide Ghidoni alla tromba, Giorgio Giovannini al trombone e Andres Villani al sassofono tenore e flauto traverso. Anche grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia si è potuta esibire la Big band cormonese diretta dal maestro Raoul Nadalutti ed introdotta dall’assessore alla cultura del Comune di Cormons, dott. Alessandro Pesaola, che molto orgogliosamente ha presentato la Band cittadina ed i super ospiti della serata specificando che il concerto avrebbe avuto una registrazione live. Ebbene, il numeroso pubblico
presente in sala è sembrato proprio aver apprezzato il complesso repertorio presentato dall’orchestra. Per l’occasione speciale, infatti, come sottolineato dal brillante presentatore-sassofonista Riccardo Garbo, la Big band ha presentato un repertorio di elevata difficoltà. Il concerto si è aperto con la classica “sigla” della Big band, un “Jumpin’ at the Woodside” eseguito con un coreografico balletto di tutte le sezioni; a questo è seguito il trascinante “Mercy Mercy Mercy” nella versione della Buddy Rich Big band dove hanno avuto modo di esibirsi in assoli i musicisti dell’orchestra: al sax contralto Michela Ferro, alla tromba Fabrizio Cucchedda e al sax baritono Riccardo Garbo. Con il pezzo latino “The Peanut Vendor” nella incredibile versione di Stan Kenton ha fatto il suo ingresso il primo ospite, il trombonista Giorgio Giovannini con un assolo latin che invogliava il pubblico a ballare sulle proprie poltroncine. Con il brano successivo, il fantastico quanto complesso “Vickie and Mr. Valves” (pezzo originale dal film For the Boys), il trombettista Davide Ghidoni ha raggiunto
note stellari sapientemente modulate con i veloci fraseggi della Band. Il terzo ospite ha portato la magia del suono del suo sassofono tenore con un’introduzione splendida in un meraviglioso blues di Stan Kenton: “A little minor booze”. Altri interessanti momenti che hanno riscosso l’entusiasmo del pubblico presente in sala sono stati la brillante esecuzione di “Hasta Siempre” con due flauti (Andres Villani e Michela Ferro) che hanno intrecciato un’avvincente botta e risposta unito ad un finale travolgente con un ingresso armonizzato della sezione tromboni (Giorgio Giovannini, Lino
Nocent, Michele Garbo, Federico Biondi) e assolo appassionante di Ghidoni. I momenti di particolare difficoltà, alcuni annunciati, si sono raggiunti con il brano “Malaga” nell’impressionante arrangiamento di Stan Kenton: ritmi semi arabeggianti, ¾ che cambiano su tempo pari con arpeggi asincroni della sezione sassofoni (Andres Villani, Michela Ferro, Paolo Trapani, Giorgio Pilat, Riccardo Garbo), ritmo indiavolato, muri di suono improvvisi della sezione trombe (Davide Ghidoni, Luigi Portelli, Fabrizio Cucchedda, Davide Piccolo, Andrea Versolatto), swing finale, assoli degli ospiti incredibili e ovazione
finale del pubblico. Sicuramente particolare il suono proposto con il brano contemporaneo “Evanescence” di Maria Schneider, con il quale la Big band ha esplorato il jazz modale. Anche l’esecuzione di “Why Not” di Michel Camilo, un pezzo latin jazz, ha presentato notevoli difficoltà, ed anche in questo brano gli ospiti negli assoli non si sono risparmiati, accompagnati da una sezione ritmica presente e precisa per tutta la durata del brano (Emiliano Schiavone - tastiera, Dario Fain - basso elettrico, Lucio Iacolettig - chitarra elettrica e percussioni minori, Aldo Comar - chitarra semiacustica e percussioni minori,
Giovanni Truant - batteria, Oscar Duiz - congas). Lo stesso dicasi per il funky elettrizzante “The Jazz Police” eseguito nella versione
originale della Gordon Goodwin Big band: un’esecuzione davvero travolgente! Insomma chi non c’era si è perso un concerto incredibile: non solo tecnica, ma energia, sentimento, passione e divertimento. La Gone with the swing Big band voleva avviarsi ai suoi 21 anni (il prossimo 5 gennaio 2014) con i migliori auspici e i tre bis richiesti dal pubblico entusiasta presente in sala di certo fanno pensare al meglio.

 

Commenti  

 
+11 #3 Elisa Toniolo 2013-12-31 09:08
Ciao
Non ho mai sentito la Banda di Cormons, ma ho sentito in 3 occasioni diverse la Big Band Gone with the Swing: in Villa Manin, a Friuli Doc e in Teatro sabato 21 dicembre. C’erano sempre diverse centinaia di persone per questo gruppo che, devo dire, è sempre un piacere ed una sorpresa ascoltare. In particolare i curriculi professionali dei musicisti invitati e ospitati quel sabato sono strabilianti e la loro performance insieme a quella dell’orchestra è stata fantastica. Complimenti a tutti davvero, bravissimi! Aspettiamo il cd! :lol:
Citazione
 
 
+12 #2 Luciano 2013-12-30 22:49
Citazione banda cormons:
sicuramente un bel concerto ma mai come il nostro del 5 gennaio sempre in teatro comunale di Cormóns!!!

Beh, ragazzi, la Banda di Cormons l'ho sentita in questi hanni e ho pure sentito il concerto della Gone whit the swing...
Verrò volentieri a sentire anche quest'anno il concerto e a sentire le gags del presentatore, ma paragonare i due concerti è come paragonare un vino pregiato con un vino in cartone... e aver la sfrontatezza di dire che il vino in cartone è migliore... :-x beh... capisco che sarà stata autoironia, ma qualcuno potrebbe non saperlo e dopo aver sentito il concerto della gone whit the swing potrebbe restarci molto male il 5 gennaio se si aspetta di meglio dalla banda... MI raccomando: senso della misura e... Buona musica a tutti!! :D
Citazione
 
 
-19 #1 banda cormons 2013-12-29 12:50
sicuramente un bel concerto ma mai come il nostro del 5 gennaio sempre in teatro comunale di Cormóns!!!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti alla newsletter


Direttore responsabile: Piero Cargnelutti - Caporedattore: Piero Cargnelutti - Registrazione del Tribunale di Tolmezzo n. 141 dell'8/4/2003
Webmaster Lorenzo Tempesti | Grafica Francesca Luzzi
La redazione declina ogni responsabilità riguardo a errori o imprecisioni nelle informazioni riportate.
(C) 2000-2012 Associazione Musicologi c.f. e p.iva 02177400302 - Inviate le vostre segnalazioni a info@musicologi.com