LOGIN

Iscriviti per inserire eventi, foto, video



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Nek a Lignano fra passato e presente
Recensione Concerto
Scritto da Silvia   
Lunedì 28 Agosto 2017 13:12




Martedì 22 Agosto all’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro Nek ha concluso il suo Unici in Tour che lo ha visto calcare i palchi delle arene di tutta Italia.

Questo tour è un ottimo mix fra passato e presente del cantante di Sassuolo, incanta la platea con alcuni brani del suo ultimo album, ma anche i brani più famosi e conosciuti creando così un clima di partecipazione ed energia.

Inizia puntualissimo ed il suo ingresso viene accolto con un boato dal pubblico. Inizia subito con canzoni che tutti sanno, partono subito i cori. Se una regola c’è, Il Treno, Se io non avessi te sono stati suonati subito per scaldare la folla.

Nek parla con i suoi fan, cerca il contatto, vuole coinvolgere tutti sia attraverso le canzoni, ma anche attraverso discorsi che lui affronta lungo il concerto. Parla di violenza sulle donne e canta Nella stanza 26, parla dei fatti di Barcellona e intona Hey Dio, in un susseguirsi di brani e conversazioni con chi è venuto ad ascoltarlo. Il cantante romagnolo è accompagnato dalla sua inseparabile band: Emiliano Fantuzzi (chitarra, tastiere e programmazioni), Luciano Galloni (batteria), Chicco Gussoni (chitarra) e Lorenzo Poli (basso) che insieme realizzano un vero e proprio regalo a tutti coloro che sono intervenuti per ascoltare le canzoni.

Ci sono due momenti in cui Nek decide di suonare da solo, far conoscere al proprio pubblico le sue capacità non solo di cantante ma anche di musicista, prima suona il pianoforte (imparato da autodidatta) ed esegue brani in acustica poi con la chitarra. Il pubblico risponde benissimo a questi stimoli e crea con i telefonini un’atmosfera davvero particolare ricca di calore.

Non può mancare il brano che ha reso famoso Nek e sulle prime note di Laura non c’è il pubblico si scatena, tutti cantano e ballano. Lo stesso succede per Almeno stavolta e Fatti avanti amore che offrono a tutti motivo di scatenarsi.

Nek non delude mai, riesce a farti assaporare la buona musica, ti trascina in un suo percorso energetico, ti fa muovere e senti il ritmo vibrare dentro.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti alla newsletter


Direttore responsabile: Piero Cargnelutti - Caporedattore: Piero Cargnelutti - Registrazione del Tribunale di Tolmezzo n. 141 dell'8/4/2003
Webmaster Lorenzo Tempesti | Grafica Francesca Luzzi
La redazione declina ogni responsabilità riguardo a errori o imprecisioni nelle informazioni riportate.
(C) 2000-2012 Associazione Musicologi c.f. e p.iva 02177400302 - Inviate le vostre segnalazioni a info@musicologi.com