LOGIN

Iscriviti per inserire eventi, foto, video



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Gabbani apre l'estate di concerti a villa Manin
Recensione Concerto
Scritto da Alessandro Tammelleo   
Lunedì 09 Luglio 2018 08:43



Iniziate all'insegna del ritmo che piace alle famiglie la rassegna estiva di concerti a Villa Manin di Passariano, che venerdì scorso ha visto Francesco Gabbani esibirsi davandi a un pubblico non numeroso, però “genuino”, fatto soprattutto di famiglie, bambini che cantavano e ballavano. Quando si parla di un artista etichettato da una sua canzone, Gabbani, a nostro avviso, è quello che maggiormente rispecchia questa caratteristica: lui è l'Occidentali's Karma e basta. Essa è la canzone vincitrice del Festival di Sanremo 2017 e classificatasi sesta all'Eurovision Song Contest del medesimo anno. Un artista comunque con un'ottima vena compositiva, che sul palco riesce a far smuovere anche i più timidi, con successi estivi come “Tra le granite e le granate” o “Pachidermi e pappagalli”, dal ritmo giusto e azzeccato.

Il concerto si apre con “Amen”, brano dall'usuale pattern ritmico, già sentito e risentito in classici tormentoni estivi, ma col terzo brano in scaletta, “Tarantola”, si nota qualcosa di nuovo, di un artista che deve marciare, compositivamente parlando, da solo, senza riferimento alcuno. Non è infatti un caso che un grande cantante come Adriano Celentano abbia scelto un suo brano, ovvero “Il bambino col fucile”. Molto bravi i musicisti sul palco, tra cui l'inseparabile fratello alla batteria, accanto a una scenografia essenziale fatta di tre mega schermi sul fondale, che sottolineavano al meglio i testi delle canzoni, testi molte volte impegnati e questo onora un artista giovane come Gabbani.

Accanto al sano groove estivo, anche alcuni momenti più “romantici”, tra cui segnaliamo “La mia versione dei ricordi” e momenti di pietre miliari della canzone italiana come “Susanna” e “Bocca di rosa” (l'artista non si è vergognato a dire che in una nota trasmissione televisiva l'ha sbagliata e questo lo onora) riarrangiate a puntino per una serata fresca e fortunatamente stellata.

Come bis “Foglie al gelo” e “Magellano”, che è stato il brano che ha aperto il tour 2017 e che ha dato il nome al suo terzo album. Un artista che può dare veramente tanto, se rimane se stesso, con la sua semplicità e umiltà.



 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti alla newsletter


Direttore responsabile: Piero Cargnelutti - Caporedattore: Piero Cargnelutti - Registrazione del Tribunale di Tolmezzo n. 141 dell'8/4/2003
Webmaster Lorenzo Tempesti | Grafica Francesca Luzzi
La redazione declina ogni responsabilità riguardo a errori o imprecisioni nelle informazioni riportate.
(C) 2000-2012 Associazione Musicologi c.f. e p.iva 02177400302 - Inviate le vostre segnalazioni a info@musicologi.com