LOGIN

Iscriviti per inserire eventi, foto, video



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Del maiale non si butta via niente: neanche la Setola!
News
Scritto da Paolo   
Giovedì 05 Ottobre 2006 01:00
Sembra passato un secolo da quando ho acquistato il disco – naturalmente in vinile, era il 1993… – dove ho letto per la prima volta: Setola di Maiale Records. Si tratta dell’LP Carni a metà prezzo suonato da le Bambine. Un trio che fosse nato in America o in U.K. sarebbe una cult band. Basterebbe la storia di questo straordinario gruppo a consumare lo spazio che ho a disposizione, chissà, magari un giorno… Nei primi anni Novanta mi sembrava davvero incredibile che a Porcia, Comune in provincia di Pordenone, ci fosse una casa discografica che sfornava dischi così alternativi, o come dicono loro di “musiche non convenzionali”. Torno per un attimo su le Bambine per parlare della loro formazione che vedeva al basso e alla voce Marco Cossetti, alla chitarra Paolo de Piaggi e alla batteria Stefano Giust. Questi ultimi due hanno dato vita a quella che è oramai una realtà consolidata della musica indipendente ovvero: Setola di Maiale. Da quel ‘93 sono passati ben Tredici anni. Periodo in cui l’etichetta ha continuato a sfornare dischi, non solo vinili… Setola di Maiale Records ha dato spazio a quei musicisti ricchi di inventiva che non trovano spazio nei circuiti della musica commerciale. Basta dare un’occhiata al ricco catalogo – www.setoladimaiale.net – per rendersene conto e se qualcuno potrebbe obiettare che quantità non rende qualità si legga i nomi dei musicisti: Roy Paci, Gianni Gebbia e Carlo Actis Dato – tanto per fare tre nomi – e per uscire dai confini nazionali: Yashuito Tachibana, Victor LP Young e Karen O’Brien. Inoltre, va sottolineato, che questa etichetta ha pubblicato lavori di diversi musicisti del FVG come Giorgio Pacorig, Luca Grizzo e Giovanni Maier. Meglio sarebbe, trattandosi di musica, ascoltare qualcosa, magari scegliendo a caso o spinti dall’irrefrenabile voglia di sentire che tipo di musica esce da una scatola di fiammiferi… Nell’ambiente musicale – come in altri campi – chi si sa “vendere bene” spesso ottiene più riconoscimenti del dovuto. Altri, invece, si dedicano anima e corpo ai loro progetti e generalmente non trovano il tempo per urlarlo ai 4 venti; quindi capita che non abbiano la giusta attenzione da parte dei media. Questo, forse, è il caso di Setola di Maiale.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti alla newsletter


Direttore responsabile: Piero Cargnelutti - Caporedattore: Piero Cargnelutti - Registrazione del Tribunale di Tolmezzo n. 141 dell'8/4/2003
Webmaster Lorenzo Tempesti | Grafica Francesca Luzzi
La redazione declina ogni responsabilità riguardo a errori o imprecisioni nelle informazioni riportate.
(C) 2000-2012 Associazione Musicologi c.f. e p.iva 02177400302 - Inviate le vostre segnalazioni a info@musicologi.com