LOGIN

Iscriviti per inserire eventi, foto, video



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
News Recensioni Interviste
Il musical Grease al festival di Majano 2018
News
Scritto da Musicologi   
Giovedì 05 Aprile 2018 14:30




Dopo l’annuncio delle scorse settimane del concerto dei Gogol Bordello, il Festival di Majano fissa oggi un nuovo importante appuntamento del calendario della sua 58° edizione. Il prossimo sabato 11 agosto il grande palco dell’Area Concerti, trasformato in un grande teatro sotto le stelle, ospiterà l’unica data in Friuli Venezia Giulia del tour 2018 del musical dei record: Grease. Una storia d’amore che nasce nelle sere d’estate, con tanto rock and roll, canzoni indimenticabili e coreografie travolgenti: questi sono gli ingredienti che hanno reso Grease, in più di 20 anni di proposizione con la Compagnia della Rancia, un autentico fenomeno pop da 1.700 repliche per oltre 1.750.000 spettatori. Una festa travolgente che dal 1997 accende le platee italiane e che ha dato il via anche nel nostro paese alla musical-mania. I biglietti per questo nuovo importante appuntamento estivo, organizzato da Pro Majano, in collaborazione Zenit srl, Regione Friuli Venezia Giulia e PromoTurismoFVG, saranno in vendita a partire dalle 11.00 di venerdì 6 aprile sul circuito Ticketone. Info e punti vendita su www.azalea.it .



Dopo il successo della nuova edizione in tour nella scorsa stagione, che ha collezionato una lunga serie di entusiasmanti “tutto esaurito”, il musical sarà in scena anche la prossima estate con tappe in tutta Italia. Proprio nel 2018 si festeggiano i 40 anni dall’uscita del leggendario film con John Travolta e Olivia Newton-John, uno spettacolo che non è mai stato così attuale e amato. In 20 anni di successi strabilianti in Italia, nella versione della Compagnia della Rancia con la regia di Saverio Marconi, Grease si è trasformato in una macchina da applausi, cambiando il modo di vivere l’esperienza di andare a teatro. Oggi è una festa da condividere con amici e famiglie, un inno all’amicizia, agli amori indimenticabili e assoluti dell’adolescenza. Si vedono tra il pubblico scatenarsi insieme almeno tre generazioni, ognuna innamorata di Grease per un motivo differente: la nostalgia del mondo perfetto degli anni Cinquanta, i ricordi legati al film e alle indimenticabili canzoni, l’immedesimazione in una storia d’amore senza tempo, tra ciuffi ribelli modellati con la brillantina, giubbotti di pelle e sbarazzine gonne a ruota. Grease, con la sua colonna sonora elettrizzante, che include le meravigliose “Summer Nights” e “You’re the One That I Want” e le coreografie irresistibili, piene di ritmo ed energia, ha fatto innamorare (e ballare) intere generazioni, con personaggi diventati vere e proprie icone generazionali: un gruppo coinvolgente, capitanato da Danny Zuko, il leader dei T-Birds, innamorato di Sandy, la ragazza acqua e sapone come Sandra Dee e Doris Day, che arriva a Rydell e, per riconquistare Danny dopo un flirt estivo, si trasforma diventando sexy e irresistibile. Insieme a loro, l’esplosivo Kenickie, la ribelle e spigolosa Rizzo, i T-Birds, le Pink Ladies, gli studenti dell’high school più celebre e un particolarissimo “angelo”.



Fra i grandi appuntamenti della 58° edizione del Festival di Majano troviamo il concerto della gypsy punk band più amata al mondo, i Gogol Bordello. Dopo aver infiammato i palchi di mezza penisola lo scorso anno, Eugene Hütz e compagni saranno protagonisti a Majano domenica 22 luglio per l’unica tappa nel Nordest del loro nuovo “Seekers and Finders Tour”.



Il Festival di Majano è organizzato dalla Pro Majano, in collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia, l’Agenzia PromoTurismoFVG, il Comune di Majano, l’Associazione regionale tra le Pro Loco, la Comunità Collinare del Friuli, il Consorzio tra le Pro Loco della Comunità Collinare.

 
Grandi eventi musicali per a Villa Manin
News
Scritto da Musicologi   
Mercoledì 21 Marzo 2018 17:21




I grandi eventi musicali tornano a Villa Manin di Passariano di Codroipo. La storica venue, fiore all’occhiello del patrimonio artistico e culturale del Friuli Venezia Giulia, ospiterà quattro grandi eventi nell'ambito del calendario di Villa Manin Estate, con protagoniste le stelle più luminose della scena pop e rock italiana, con l'organizzazione di Zenit Srl, che si è aggiudicata la gara indetta dall'Erpac per l'organizzazione di concerti. A salire sul palco della villa saranno quindi nell’ordine: il fenomeno pop Francesco Gabbani (6 luglio), il trio d’assi Nek, Max e Renga (11 luglio), la leggenda Gianni Morandi (14 luglio) e il nuovo astro del cantautorato italiano Ermal Meta (23 luglio), una parata di stelle che illuminerà le notti dell’estate musicale del Friuli Venezia Giulia. I biglietti per i concerti di Nek, Max, Renga e Gianni Morandi saranno in vendita online su Ticketone dalle 16.00 di oggi, mercoledì 21 marzo e in tutti i punti vendita dalle 10.00 di sabato 24 marzo. I biglietti per i live di Francesco Gabbani e Ermal Meta saranno invece in vendita, sia online, che nei punti autorizzati, già dalle 16.00 di oggi, mercoledì 21 marzo. Info e punti vendita su www.azalea.it .


Un calendario eterogeneo pensato per attirare un pubblico giovane e meno giovane, ragazzi e famiglie, grazie a un’offerta che spazia nei generi e nelle epoche. Ad aprire le danze, venerdì 6 luglio, sarà il trionfatore della scorsa edizione del Festival di Sanremo, artista che più di tutti si è messo in luce nell’ultimo anno solare, Francesco Gabbani. Dopo la vittoria al festival, il successo di Gabbani non ha conosciuto pause. Trainato da hit come “Occidentali’s Karma” e “Amen” e dall’album campione di vendite “Magellano”, Gabbani è stato protagonista di un lungo tour che riprenderà anche in questa estate 2018. Il secondo grande appuntamento live rappresenta un triplo show in uno, proprio perché saranno tre le star sul palco, per la prima straordinaria volta uniti assieme; stiamo parlando di Nek, Max e Renga, che porteranno il loro fortunato tour in esclusiva regionale, dopo i sold out primaverili nei palazzetti d’Italia, il prossimo 11 luglio. Sul palco Nek, Max e Renga saranno sempre insieme, per proporre in una nuova chiave a tre voci i successi delle loro rispettive carriere di autentici dominatori della scena musicale italiana degli ultimi venticinque anni. Il terzo evento in programma vedrà sul palco la più luminosa icona del rock italiano di sempre: cantautore, attore, personaggio televisivo e leggenda vivente, Gianni Morandi, torna in Friuli Venezia Giulia a distanza di dieci anni dal suo ultimo concerto tenuto a Udine nel 2008. Il “Gianni nazionale” sarà sul palco di Villa Manin sabato 14 luglio, per presentare live il suo incredibile repertorio di oltre cinquant’anni di attività. Ultimo dei quattro concerti quello che è considerato il nuovo genio della scena cantautoriale e autoriale italiana, vincitore del Festival di Sanremo 2018 (dopo il terzo posto del 2017), e prossimo a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest, Ermal Meta. Nel prossimo tour estivo l’artista presenterà live le canzoni del nuovo album “Noi non abbiamo armi”, certificato disco d’oro, tra cui la bellissima “Non mi avete fatto niente”, che gli è valsa la vittoria al festival della canzone italiana assieme a Fabrizio Moro. Un live molto atteso quello di Ermal Meta, una grande produzione in una nuova e ricca cornice scenografica per un grande spettacolo che il pubblico applaudirà a Villa Manin il prossimo 23 luglio.

 

Francesco Gabbani: il vincitore di Sanremo 2017 ritorna live in Friuli Venezia Giulia. Il cantautore, nato a Carrara nel 1982, ha raggiunto il successo vincendo due volte su due partecipazioni il Festival della musica italiana. La sua carriera musicale inizia con i Trikobalto, band che si esibisce nei principali festival italiani, tra i quali l’Heineken Jammin' Festival e apre al BlueNote di Milano l’unica data italiana degli Oasis. Una volta abbandonato il gruppo, Gabbani firma il contratto discografico per realizzare il suo primo progetto solista: nel 2011 viene pubblicato il singolo “Estate”, seguito dall’uscita del primo album ufficiale, “Greitist Iz”. Nel 2016 vince il 66° Festival di Sanremo nella categoria “Nuove Proposte” con il brano “Amen”, disco di platino, ottenendo anche il Premio della Critica Mia Martini, il Premio Sergio Bardotti come miglior testo e il Premio Emanuele Luzzati. L’anno successivo trionfa nuovamente a Sanremo tra i Big con “Occidentali’s Karma”, vincendo anche il Premio TIMmusic. La canzone resta in prima posizione nella classifica italiana per due settimane consecutive ed entra nelle classifiche di altre quattordici nazioni. Il brano ottiene il Disco d’Oro e poi di Platino in breve tempo ed il video conquista il record di maggiori visualizzazioni in un giorno per un artista italiano. Il 28 aprile 2017 pubblica il suo terzo album, “Magellano”, dal quale sono estratti i singoli “Tra le granite e le granate” e “Pachidermi e pappagalli”.


Nek Renga Max: i tre grandi artisti della musica italiana, uniti per la prima volta in uno straordinario progetto live, saranno protagonisti sul palco di Villa Manin il prossimo 11 luglio. Dopo un trionfale tour invernale nei palazzetti delle principali città italiane, il trio d’assi proseguirà il viaggio musicale anche nella prossima estate. I tre colleghi e amici, in scena da circa una trentina d’anni e con carriere di grande successo alle spalle, sono stati la colonna sonore di intere generazioni: Max Pezzali ha venduto oltre 7 milioni di dischi, consegnando alla musica italiana canzoni e album immortali, Nek è l'artista italiano più suonato dalle radio nell'ultimo anno e Francesco Renga ha una carriera caratterizzata da oltre 1850 concerti. Dopo il singolo “Duri da Battere” (Warner Music), i tre artisti hanno presentato i brani “Il mio Giorno più Bello del Mondo”, “Gli Anni” e “Fatti Avanti Amore” nelle inedite versioni a tre voci, attualmente in rotazione radiofonica. A seguire è arrivato anche l’album dal vivo “Max Nek Renga”. Unendo le rispettive esperienze e carriere i tre sul palco creano una miscela esplosiva, reinterpretando i brani più significativi degli oltre 25 anni di carriera di ciascuno, per una scaletta tutta da ballare e da cantare.


Gianni Morandi: uno degli artisti più amati della musica italiana di sempre ritorna live il 14 luglio nella straordinaria location di Villa Manin, a dieci anni di distanza dal suo ultimo concerto in Friuli Venezia Giulia, tenuto a Udine nel 2008. L’autore di successi che resteranno nella storia della musica italiana proseguirà la prossima estate il fortunato tour che lo ha visto protagonista a inizio anno nei palazzetti delle principali città italiane. “D’amore d’autore Tour”, questo il titolo del suo ultimo progetto live che prende il nome dall’omonimo album, il quarantesimo nella carriera dell’artista, pubblicato lo scorso 16 novembre su etichetta Sony Music. Il disco è stato realizzato con la collaborazione di grandi artisti italiani, tra i quali troviamo Elisa, Ivano Fossati, Levante, Luciano Ligabue, Ermal Meta, Giuliano Sangiorgi (Negramaro), Paolo Simoni e Tommaso Paradiso (The Giornalisti). In scaletta Morandi proporrà, assieme alle nuove canzoni, tutti i più grandi successi della sua lunga e strabiliante carriera, che gli hanno permesso di vendere oltre 50 milioni di dischi. Tra gli ultimi progetti, nel 2015 Morandi ha iniziato una collaborazione con Baglioni chiamata Capitani Coraggiosi, con il quale ha intrapreso una lunga e fortunata tournée italiana. Il lavoro ha visto il coinvolgimento di diversi personaggi dello spettacolo e del mondo della musica, tra cui Roberto Vecchioni, Massimo Ghini, Gigi d’Alessio, Silvio Muccino, Paolo Belli, Laura Pausini e Max Pezzali.


Ermal Meta: il cantante, autore e polistrumentista, tra i protagonisti assoluti della nuova scena cantautoriale italiana, fresco di vittoria al Festival di Sanremo, arriverà straordinariamente live a Villa Manin il prossimo 23 luglio. Dopo gli inizi come frontman de La Fame Di Camilla, Ermal intraprende il percorso da solista e autore. Nel corso degli anni realizza la colonna sonora della fiction di grande successo “Braccialetti Rossi” mentre scrive già per molti interpreti italiani come Emma, Francesco Renga, Patty Pravo, Chiara, Marco Mengoni, Francesca Michielin, Francesco Sarcina, Giusy Ferreri, Lorenzo Fragola e Elodie, curando inoltre gli arrangiamenti per alcuni brani dei Negrita. Nel 2015 viene pubblicato il singolo “Odio le favole”, con il quale arriva terzo a Sanremo Giovani, che anticipa l’uscita del suo primo album in studio, “Umano” (2016). Nel 2017 partecipa nuovamente a Sanremo tra i Big con il brano “Vietato Morire”, aggiudicandosi il terzo posto oltre al Premio Critica Mia Martini ed al Premio per la miglior cover con “Amara Terra Mia” di Domenico Modugno. In coppia con Fabrizio Moro vince l’edizione 2018 del festival della musica italiana con il brano “Non mi avete fatto niente”, singolo certificato Disco d’Oro che verrà presentato anche al prossimo Eurovision Song Contest. Nelle date estive Ermal Meta presenterà live le canzoni del nuovo album intitolato "Non Abbiamo Armi"; una grande produzione e una nuova e ricca cornice scenografica per un grande spettacolo.

 

 

 
Fabri Fibra sarà di scena a Lignano
News
Scritto da Musicologi   
Martedì 20 Marzo 2018 12:27




Dopo il grande successo del tour autunnale nei più importanti club della penisola, Fabri Fibra, star assoluta del rap italiano, annuncia oggi a grande richiesta i live estivi de “Le Vacanze Tour”, nuova tournée nella quale l’artista presenterà dal vivo il suo ultimo album “Fenomeno”, pubblicato nel 2017 e certificato disco di platino. A distanza di oltre 5 anni dal suo ultimo live in Friuli Venezia Giulia, Fabri Fibra sarà protagonista sabato 28 luglio all’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro, in quello che sarà anche l’unico concerto nel Nordest della nuova tournée del rapper. I biglietti per l’importante evento, organizzato da Zenit srt, in collaborazione con Città di Lignano Sabbiadoro, Regione Friuli Venezia Giulia e PromoturismoFVG, saranno in vendita a partire dalle 10.00 di domani, mercoledì 21 marzo sul circuito Ticketone. Info e punti vendita su www.azalea.it .

 

Le Vacanze Tour” sarà l’occasione per saltare al ritmo di alcune delle più grandi hit di Fabri Fibra e cantare insieme a lui i grandi successi del 2017: “Fenomeno” (certificato doppio platino da Fimi/Gfk Italia), “Stavo Pensando a te” (certificato doppio platino da Fimi/Gfk Italia) e “Pamplona” (feat. Thegiornalisti), quest’ultimo reduce dall’enorme successo estivo e da 4 certificazioni platino. Fabrizio Tarducci, in arte Fabri Fibra, è il top rapper indiscusso della scena musicale italiana, a cui si deve il merito di aver dato una precisa identità a questo genere in Italia, riconosciuto come specchio e voce di una generazione. Per molti visto come “il nostro Eminem”, è un’artista amatissimo, odiatissimo, idolatrato e criticato allo stesso tempo, come tutti i più grandi, ma è sarà per sempre un pezzo di storia dell’underground italiano. L’esordio avviene negli anni novanta con il gruppo Uomini di Mare, ma il vero successo arriva nel 2002, quando debutta come solista con l’album “Turbe Giovanili”.


Il disco, seguito subito dopo dal secondo progetto “Mr. Simpatia”, lascia il suo marchio indelebile nella scena musicale di allora, spianando il terreno al contratto con l’etichetta Universal Music Group, con la quale pubblica “Tradimento” (2006). In tutta la sua carriera ha venduto oltre 1 milione di copie, guadagnato numerosi dischi d’oro, di platino e multiplatino, vincendo inoltre diversi riconoscimenti, tra i quali tre Wind Music Awards e un TRB Awards. Nella memoria degli amanti del rap e non solo, resteranno per sempre hit come “Applausi per Fibra”, “Rap Futuristico” “Tranne Te” e “Bugiardo”. Negli anni collabora con diversi artisti, tra i quali sono da ricordare Alborosie, Gianna Nannini, Federico Zampaglione (Tiromancino), Thegiornalisti, Neffa e Gué Pequeno. Nel 2017 pubblica l’album “Fenomeno”, contraddistinto come tutti i suoi dischi da pezzi forti e di critica, ma caratterizzati da una maggior lucidità e maturità, essendo oramai il nono album del rapper. Dal disco prende il nome il “Fenomeno Tour”, tournée che ha portato l’artista nei più importanti club italiani, ottenendo sempre il tutto esaurito.

Fra i prossimi concerti all’Arena Alpe Adria troviamo i live della star di Amici, Riki (12 luglio), l’atteso ritorno dei Kasabian, indie rock band britannica amata in tutto il mondo (18 luglio), il concerto del principe della musica italiana Francesco De Gregori (19 luglio), e il live della punk rock band Sum 41 (1 settembre). Biglietti in vendita, info su www.azalea.it.



 
Satyricon @ New Age, Roncade (TV)
Recensione Concerto
Scritto da Alessandro Attori   
Martedì 20 Marzo 2018 12:10



I Satyricon hanno sempre voluto di più. A metà anni Novanta erano già uno dei gruppi di punta della nascente scena estrema norvegese, grazie a due lavori seminali come Dark Medieval Times e The Shadowthrone, ma non gli bastava: chiamarono Nocturno Culto dei Darkthrone e con lui fecero Nemesis Divina, il disco che - molto più di De Mysteriis Dom Sathanas dei MayheM - portò il black norvegese alle masse. Ma per loro non era abbastanza. Forse constatarono che alle porte del Duemila bisognasse svecchiare il suono, e allora via con gli inserti industrial di Rebel Extravaganza. Il tutto era ancora troppo macchinoso però, decisero quindi di semplificare via via la loro proposta, e nel decennio successivo provarono addirittura a entrare nei goth club con un paio di hit danzerecce. Ma ancora non gli bastava, e qualche anno fa decisero che era il momento di proporre qualcosa di più maturo: la musica si fa più ragionata, progressiva e esce il capolavoro omonimo; l'ultimo Deep Calleth Upon Deep si muove ottimamente sulle stesse coordinate. Avrebbero potuto continuare a proporre black norvegese all'infinito, avrebbero potuto accodarsi alle mode del momento, con batterie triggerate, tastierioni e chitarre pompatissime, invece no, hanno scelto di essere i Satyricon. E con questo tour invernale di supporto all'ultima fatica sono pronti a dimostrarlo!


A più di dieci anni dal mio primo loro concerto, all'Idroscalo di Milano per il Gods Of Metal del 2006 in compagnia di Venom, Opeth, Down e Nevermore (con addirittura il buon vecchio Phil Anselmo a incitarli da bordo palco), e a meno di quattro dall'ultimo, al Metal Days del 2014, inforco nuovamente le usurate braghe di pelle e mi presento splendido come il sole - più  o meno - al New Age di Roncade - teatro di vecchie battaglie (Dark Tranquillity, Amon Amarth, Arch Enemy...) - con la miglior compagnia possibile, ovvero la mia dolce metà Alice, per l'occasione travestita da fotografa. L'orario deciso per l'inizio dell'esibizione dei Satyricon, le 21:00, viene rispettato, favorendo così chi viene da lontano e il giorno dopo lavora. Lodevole iniziativa che però non ci permette di assistere al concerto di apertura dei thrasher greci Suicidal Angels, già visti in altre occasioni e apprezzabili per la loro grande energia e esperienza.
I Satyricon, dopo una breve introduzione, partono a bomba con Midnight Serpent, uno dei pezzi forti dell'ultimo disco, uscito già da diversi mesi e quindi parzialmente metabolizzato dai fan. Satyr sembra una specie di Sheldon Cooper di Big Bang Theory travestito da Halloween, suscitandomi così fin da subito grande simpatia; tiene il palco egregiamente dondolandosi sull'asta del microfono a guisa di forcone e incitando gli astanti; Frost è impeccabile dietro le pelli.

Il suono è perfetto, come da disco; il New Age quasi pieno. Si prosegue con Our World, It Rumbles Tonight dal penultimo, omonimo e progressivo Satyricon, purtroppo male accolto dalla critica e dagli oltranzisti del black metal, che troppo spesso si lasciano irretire da istanze conservatrici. Si fa un passo indietro con un pezzo dal minimale e maligno The Age Of Nero, la rocciosa Black Crow on a Tombstone, per poi tornare al presente con la title track dell'ultimo lavoro Deep Calleth Upon Deep. È la volta della crudissima Repined Bastard Nation, da Volcano e la sognante Nocturnal Flare, ancora dall'omonimo Satyricon. Peccato che rimarrà l'ultimo pezzo estratto da questo disco: che i Satyricon stessi si siano lasciati influenzare dalle critiche ricevute?


Il concerto prosegue con altre tre canzoni tratte dal periodo di mezzo, le devastanti Commando e The Wolfpack da Age Of Nero e Now, Diabolical dall'omonimo album, cantata a squarciagola dalle prime file, e poi si torna di nuovo a Deep Calleth Upon Deep con altri due pezzi: la lenta e misteriosa To Your Brethren In The Dark e l'immancabile, su suolo italico, The Ghost Of Rome. Veramente bella e coinvolgente questo nuova canzone dei norvegesi; per una volta la riproposizione di pezzi dall'ultima fatica di una band durante il tour di supporto non risulta assolutamente pesante da digerire, vista la qualità altissima della musica proposta e lo stato di grazia di cui godono i Satyricon da qualche anno a questa parte, anche in studio. Ci si avvicina purtroppo alla fine del concerto e a questo punto i Nostri decidono giustamente di sfoderare qualche classico degli anni Novanta: Satyr imbraccia finalmente la chitarra ed è grande sorpresa per Walk the Path of Sorrow, addirittura da Dark Medieval Times, per passare poi a quello che molti reputeranno il momento clou dell'esibizione: ecco l'immortale Mother North, introdotta dal sinistro incedere della strumentale Transcendental Requiem of Slaves.

Dopo una breve pausa è il momento dei bis, e i Satyricon decidono di ringraziare e salutare i presenti con tre classici inni del loro repertorio: The Pentagram Burns, Fuel for Hatred, che scatena il pogo, e ovviamente K.I.N.G., accolta con un boato da tutto il New Age. Venom, Bathory e Celtic Frost, questi sono i numi tutelari dei Satyricon di oggi, che hanno deciso di andare alle radici del genere, alla primigenia triade, riveduta e corretta secondo il loro gusto attuale. Una prestazione strepitosa quella di Satyr, Frost e membri live (ineccepibili, su tutti spicca il chitarrista che affiancò Jeff Loomis nell'ultimo tour dei Nevermore, Attila Vörös), omaggiati da una buona risposta di pubblico, forse però non completamente consapevole di assistere ad una seconda giovinezza del combo norvegese.


 
Torna Percoto Canta alla 31° edizione
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 19 Marzo 2018 18:18


Dopo aver festeggiato con una splendida serata finale - trionfata dalla bergamasca Alessia Berardi - le tre decadi di attività, torna con più entusiasmo di sempre il concorso canoro Percoto Canta, gara di voci di livello nazionale, che vede ufficialmente oggi, con il via alle iscrizioni, l’inizio della sua 31° edizione. Nata nel 1988 dall’idea di un gruppo di amici, la manifestazione ha saputo crescere e attestarsi negli anni a livello nazionale, valorizzando, edizione dopo edizione, centinaia di talenti provenienti da tutta la penisola. Per alcuni di loro il sogno si è avverato, come ad esempio per la meravigliosa Lodovica Comello, ora star internazionale, o la giovane Shari Noioso, già finalista del programma “Tu si que Vales” e scelta da Il Volo per prendere parte al loro tour italiano. Una manifestazione che ha fatto della qualità la sua prerogativa, fra le pochissime ad affiancare una vera e propria orchestra, diretta dal M° Nevio Lestuzzi, all’esibizione dei concorrenti, in gara in tre distinte categorie: Junior, Senior e Cantautori/brani inediti. Anche quest’anno a giudicare le proposte sarà chiamata una giuria d’eccezione che vedrà in carica Andrea Mirò, cantante, autrice, polistrumentista e direttore d’orchestra, Giò Di Tonno, cantautore, attore e volto televisivo e Omar Pedrini, autentica icona del rock italiano, front man e leader dei mitici Timoria.

Grandi nomi che si aggiungono a quelli delle edizioni passate, dove troviamo la già citata Lodovica Comello, Bungaro, Rossana Casale, Silvia Mezzanotte, Peppe Vessicchio, Remo Anzovino, Paola Folli, Simona Molinari, Adriano Pennino, L'Aura, Luca Pitteri e Marcello Balestra, tra gli altri. La fase delle iscrizioni al concorso terminerà ufficialmente il 26 aprile. Le migliori proposte vagliate dai giurati verranno quindi ammesse alla seconda fase del concorso, quella delle selezioni live, che si terranno sabato e domenica 5 e 6 maggio alla Casa della Musica di Cervignano del Friuli. Da questo fondamentale appuntamento, al quale ogni anno partecipano un centinaio di concorrenti da tutta Italia, usciranno gli artisti promossi alla serata finale, che avrà luogo sabato 14 luglio a Villa Frattina Caiselli di Percoto di Pavia di Udine, incantevole venue nella quale prenderà forma anche quest’anno un meraviglioso teatro a cielo aperto, per accogliere artisti, giurati e un parterre di oltre mille persone. Con la finalità di supportare ancora di più il percorso artistico dei concorrenti in gara, ai vincitori (votati dalla giuria di qualità, dalla sala stampa e dal pubblico) saranno consegnati premi in borse di studio per un valore di 3 mila e 500 Euro. La corsa al titolo di migliore voce della 31° edizione di Percoto Canta è cominciata! Per consultare le modalità di iscrizione, il regolamento e tutte le informazioni sulla manifestazione visitare il sito www.percotocanta.it alla sezione “iscrizione”, o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Tutti gli aggiornamenti in tempo reale anche sulle pagine Facebook e Twitter “Percoto Canta”.

La 31° Edizione di Percoto Canta è organizzata dall'Associazione Culturale Musicale "Percoto Canta", in collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia, i Comuni di Pavia di Udine e Cervignano del Friuli, la Fondazione Friuli e il patrocinio dell’Agenzia PromoTurismoFVG e di Pavia di Udine Impresa. Media partner ufficiali del concorso sono Radio Lattemiele e Udinese TV.

 

Potete seguirci anche su:

facebook.it/percotocanta

twitter: @percotocanta #percotocanta2016

 

Per iscrizioni e informazioni:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
A Trieste arriva Steven Tyler degli Aerosmith
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 19 Marzo 2018 18:10



La città di Trieste si conferma in questo 2018 fra le grandi capitali europee dei concerti internazionali. Dopo gli annunci dei primi due grandi live dell’estate con protagonisti i fenomeni metal Iron Maiden e il visionario mito new wave David Byrne, arriva, dopo i rumors dei giorni scorsi, l’ufficialità anche per il terzo grande nome del calendario di “Live in Trieste”, rassegna che a luglio richiamerà in città decine di migliaia di persone. A salire sul palco della meravigliosa Piazza Unità d’Italia, fra le piazze più belle del mondo, sarà la super star mondiale Steven Tyler, icona rock globale e voce che si annovera come una delle più importanti della storia della musica. Il front man degli Aerosmith si esibirà a Trieste assieme alla band The Loving Mary, in quella che sarà l’unica data italiana nel Nordest e di tutta l’Europa dell’Est dell’artista, il prossimo 18 luglio. Ad aprire i concerti il duo country The Sisterhood Band (formato da Ruby Stewart, figlia di Rod Stewart e da Alyssa Bonagura).

I biglietti per questo nuovo grande evento musicale in Friuli Venezia Giulia, organizzato da Zenit Srl, con la collaborazione di Comune di Trieste, Regione Friuli Venezia Giulia, Agenzia PromoTurismoFVG e Live Nation, saranno in vendita a partire dalle 10.00 di mercoledì 21 marzo su Ticketone e Ticketmaster e sui circuiti esteri Oeticket e Eventim. Tutte le informazioni e i punti vendita su www.azalea.it .


Steven Tyler, inserito nella Rock and Roll Hall of Fame, è un mostro sacro della musica mondiale con oltre 150 milioni di dischi venduti. Ha vinto numerosi Grammy Awards, American Music Awards e Billboard Music Awards. Il disco di debutto come artista solista, intitolato “We’re All Somebody From Nowhere”, è stato pubblicato nel 2016 e ha raggiunto la prima posizione nella Billboard Top Country Albums Chart negli Stati Uniti e in Canada.

Steven Tyler, frontman degli Aerosmith e icona della musica rock mondiale, è universalmente riconosciuto per la sua voce graffiante e potente, autentico marchio di fabbrica della star americana. Nasce a Yonkers (Stato di New York) nel 1946 in una famiglia dove la musica è la protagonista. Fin da subito questa diventa la sua unica passione, che lo spinge a suonare in diversi gruppi rock e ad esibirsi nei locali di Westchester County, dove la sua famiglia si trasferisce durante la sua adolescenza.


Con la sua prima band, i Maniacs Up In Sunapee, il successo non arriva. Bisogna aspettare il 1970 quando, assieme a due amici, tra cui il chitarrista Joe Perry, formerà gli Areosmith, gruppo che in pochi anni scalerà le vette delle classifiche mondiali. Sono moltissimi gli album e le canzoni che hanno fatto la storia di questa band, permettendo a Tyler di vendere decine di milioni di copie in tutto il mondo. Dischi come “Toys in the Attic” (1975), con le bellissime “Walk this Way” e “Sweet Emotion”, “Permanent Vacation” (1987) con i singoli “Rad Doll” e “Angel”, “Get a Grip” (1993) che include le super hit “Crazy”, “Livin' on the Edge” e “Cryin’” - il loro più eclatante successo commerciale - sono solo alcuni dei meravigliosi lavori della vastissima discografia che la band ha pubblicato. Tra le canzoni che rimarranno nella storia anche la colonna sonora del film Armageddon, “I Don’t Want To Miss A Thing”, composta dallo stesso Steven Tyler in collaborazione con la figlia Lyv Tyler.


Nel 2003 esce “Walk This Way: The Autobiography of Aerosmith”, autobiografia che ripercorre le vicende fondamentali del carismatico Steven Tyler. Nel 2015, agli International Music Awards, il cantante è stato riconosciuto come “l’icona musicale più imponente di tutti i tempi”, mentre si è classificato terzo nella classifica Hit Parade tra i “cento migliori vocalist metal di tutti i tempi”. La setlist dei nuovi concerti, tra cui quello di Trieste, comprenderà tutte le più grandi hit di Steven Tyler, così come alcuni brani tratti dal suo ultimo album come solista, “We’re All Somebody From Somewhere”. Il tour partirà a giugno e toccherà le principali città del mondo, facendo tappa a New York, Madrid e Londra (fra le altre).


Con l’odierno annuncio si arricchisce così il calendario della rassegna Live in Trieste. Fra i grandi appuntamenti del programma troviamo gli Iron Maiden, che porteranno in Piazza Unità l’unica data nel Nordest del loro nuovo tour europeo dal titolo “Legacy of the Beast”, il prossimo 17 luglio, e il concerto del fondatore dei Talking Heads e mito della new wave David Byrne, sul palco il 21 luglio. Biglietti in vendita, info su www.azalea.it .



 
De Gregori a Lignano Sabbiadoro a luglio
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 19 Marzo 2018 18:02




Francesco De Gregori si esibirà all’ARENA ALPE ADRIA di LIGNANO SABBIADORO il prossimo 19 luglio alle ore 21

Il concerto, proposto in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Lignano Sabbiadoro, Regione FVG e Zenit,

si inserisce nel cartellone di "NOTE NUOVE 11", la rassegna di musica moderna proposta dall’Associazione udinese da 11 anni.

Il concerto, in esclusiva per il NordEst, fa parte del nuovo Tour 2018 del cantautore romano.

Biglietti disponibili in prevendita online su Ticketone.it dalle ore 16.00 di lunedì 19 marzo e nei punti vendita tradizionali dalle ore 16.00 di giovedì 22 marzo

Si chiama semplicemente “TOUR 2018”, il nuovo tour di FRANCESCO DE GREGORI che partirà il 6 luglio dalla Cavea di Roma e lo vedrà impegnato sui palcoscenici delle più belle e prestigiose località italiane fino a settembre.

De Gregori sarà accompagnato sul palco da Guido Guglielminetti al contrabbasso, Paolo Giovenchi alla chitarra, Alessandro Valle alla pedal steel guitar e Carlo Gaudiello al pianoforte, una formazione già sperimentata in autunno nel suo tour in Europa e negli Stati Uniti ma che rappresenta un’assoluta novità per il pubblico italiano.

 

La scaletta prevede i grandi classici di De Gregori ma anche gioielli nascosti, canzoni “mai passate alla radio” e brani raramente eseguiti dal vivo negli ultimi anni.

 

 
Le nebbie umide della pedemontana nello stoner rock degli Underflow
Recensione Disco
Scritto da Simone   
Venerdì 16 Marzo 2018 09:34




Il trio Underflow, proveniente da Gemona del Friuli (UD), pubblica il suo primo CD "Underflow EP"; un disco che esplode tra nebbie umide della pedemontana. Stoner psichedelico e sincero, d'effetto! Atmosfere cariche di energia infradiciano l'ascoltatore con una fitta pioggia di note e lo scuotono tra cadenze primordiali: un martellate e ipnotico basso per Federico Goi, dissonanze spaziali e trasognante per la chitarra distorta di Matteo Gigante, ritmiche violente del picchiatore Giacomo Venturini.


Underflow: sotterranea sintonia, che emerge dalla sala prova dove i tre giovani hanno sperimentato per molto tempo, felici di aver ora cristallizzato, anche nell'immaginario, i sei titoli delle composizioni: il falco e il serpente (The hawk and the snake) che si sfidano sublimi nella miglior tradizione desertica stoner; la fuga del minatore (Miner's escape): un rumoroso lavoratore che si trova a fuggire tra i cunicoli di una cava che crolla; l'omonima foto musicale di gruppo (Underflow) e poi ancora la hit da saltare (My friend arabic): energia solidale, dichiarano. (Cocaminer)? O hai una mente disurbata? (Troubled mind?) Grandissima voglia di sfogare. Occhio a non farvi travolgere!

 

 

 
Il punk dei Sum 41 a Lignano a settembre
News
Scritto da Musicologi   
Martedì 13 Marzo 2018 17:41




Nuovo grande appuntamento con la musica internazionale a Lignano Sabbiadoro. Dopo i già annunciati concerti italiani di Cesare Cremonini, Negramaro e Vasco, e il live del gruppo indie rock britannico Kasabian, viene ufficializzato oggi il concerto di un’altra band di spicco del panorama musicale mondiale: le star del punk rock Sum 41. Fra le band simbolo della storia del punk rock mondiale, i Sum 41 tornano in Italia dopo l’incredibile show evento di I-Days 2017 assieme a Linkin Park e Blink 182 davanti a 90.000 persone. Saranno tre i concerti estivi del gruppo in Italia a Empoli, Rimini e a Lignano Sabbiadoro, per l’unico evento nel Nordest, sabato 1° settembre all’Arena Alpe Adria. I biglietti per il concerto, organizzato da Zenit srt e Live Nation, in collaborazione con Città di Lignano Sabbiadoro, Regione Friuli Venezia Giulia e Agenzia PromoturismoFVG, saranno in vendita partire dalle 11.00 di venerdì 16 marzo sul circuito Ticketone. Per gli iscritti a My Live Nation sarà attiva la speciale pre sale dalle 11.00 di giovedì 15 marzo. Info e punti vendita su www.azalea.it


I Sum 41, la band formata da Deryck Whibley, Dave Brownsound, Tom Thacker, Cone McCaslin e Frank Zummo dopo un periodo di pausa, tornano a fine 2016 con il nuovo album “13 Voices”, che segna una vera e propria rinascita, testimoniata anche dal video del singolo “War”, nel quale Whibley brucia fra i rottami quelli che sono i simboli del suo passato. I tre singoli estratti dall’album, “War” appunto, “Fake My Own Death” e “God Save Us All (Death to POP)”, con più di 15 milioni di views su Youtube, sono il segnale netto e deciso del ritorno in grande stile dei Sum 41, di nuovo con la formazione a 5 elementi, e con quel sound inconfondibile che li ha resi una delle più celebri band punk rock del mondo.


Il gruppo si forma in Canada nel 1996 con il nome di Kaspir, il gruppo cambia presto nome in Sum 41, per ricordare l’incontro dei componenti durante un concerto avvenuto 41 giorni dopo l’inizio dell’estate dello stesso anno. Influenzati dalle sonorità degli Iron Maiden, dei Green Day e degli Judas Priest, debuttano nel 2000 con l’EP “Half Hour of Power”. L’esordio è positivo, dal momento che alcune canzoni vengono utilizzate come colonne sonore di film e videogiochi. La band raggiunge il successo con il primo album “All Killer No Filler” (2001), che vende oltre 15 milioni di copie. Dal CD vanno ricordate in particolare “Fat Lip”, che scala le classifiche di tutto il mondo durante l’estate, “Motivation” e “In Too Deep”, che nel 2002 vince il MuchMusic Video Awards nella categoria “Best Rock Video”.


Il secondo singolo è “What We’re All About” (2002), che verrà scelto nella tracklist del videogioco della EA Sports NHL 2002 e successivamente inserito nella colonna sonora del film Spider-Man. I Sum 41 nascono come band pop punk, ma negli anni si avvicinano anche ad altri generi musicali quali il punk rock, l’hardcore punk, l’alternative rock e il metal, che troviamo per esempio nelle famose canzoni “Still Waiting” (2002) e “Pieces” (2004), per poi tornare allo stile originario con il quinto album “Underclass Hero”. In tutta la loro carriera artistica hanno pubblicato sei album in studio e due dal vivo; nel 2016, a vent’anni dalla fondazione della band, esce “13 Voices”, che segna il ritorno di Dave Baksh, uscito dalla formazione nel 2006.

Fra i prossimi concerti all’Arena Alpe Adria troviamo i live della star di Amici Riki (12 luglio) e l’atteso ritorno dei Kasabian, indie rock band britannica amata in tutto il mondo (18 luglio). Biglietti in vendita, info su azalea.it .


 
Workshop con Tolo Marton
News
Scritto da Musicologi   
Martedì 13 Marzo 2018 17:32




Workshop con il chitarrista TOLO MARTON

PER UN PUGNO DI NOTE”

Mercoledì 21 Marzo ore 20.30 presso la Sala Darsena di Lignano S.(Viale Italia, 50)

a cura dell’Associazione Culturale "Insieme per la Musica" di Lignano Sabbiadoro (UD)

per informazioni e prenotazioni (entro lunedì 19 marzo) cell. 3404664294

email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Quota di iscrizione: € 20

Programma:

-tecniche chitarristiche usate negli stili musicali come il rock nella sua forma più classica, il blues, il country;

-tecniche di chitarra solista e ritmica;

-tecniche per l’utilizzo dello slide e le accordature aperte;

-uso degli effetti (manuali ed elettronici);

-l'importanza della visione di assieme, arrangiamenti e costruzioni armonico/melodiche.

-l’importanza della chitarra ritmica;

-accordi su tre corde;

-fare assoli con un senso logico;

-riuscire a staccare le mani;

-gli effetti fatti a mano;

-la chitarra nello stile blues, rock-blues, rock’ n’ roll, country, melodico;

-suonare assieme;

-come si può comporre un brano in pochi minuti.


Si parlerà anche (su richiesta) di altri argomenti quali: strumenti, chitarre, amplificatori, vintage, attività musicali, club, scelte artistiche, situazione della musica live attuale, discussione suparticolari chitarristi a cui siete legati, ecc…

Ed infine la vera passione per la musica e il vizio di “vendersi sempre”…alias “se faccio quello che veramente mi piace non vado da nessuna parte”.

Non serve saper leggere né musica né tablature.

E’ possibile portare la propria chitarra elettrica non amplificata.

Durata “stage”: 2 ore circa.

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 303

Iscriviti alla newsletter


Direttore responsabile: Piero Cargnelutti - Caporedattore: Piero Cargnelutti - Registrazione del Tribunale di Tolmezzo n. 141 dell'8/4/2003
Webmaster Lorenzo Tempesti | Grafica Francesca Luzzi
La redazione declina ogni responsabilità riguardo a errori o imprecisioni nelle informazioni riportate.
(C) 2000-2012 Associazione Musicologi c.f. e p.iva 02177400302 - Inviate le vostre segnalazioni a info@musicologi.com