LOGIN

Iscriviti per inserire eventi, foto, video



Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
News Recensioni Interviste
Il "Love Tour" di Thegiornalisti arriverà a Jesolo a marzo
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 01 Ottobre 2018 15:45




Dopo gli incredibili successi dell’album “Completamente Sold Out”, del singolo “Riccione” e dell’ultimo tour che ha ottenuto il tutto esaurito ovunque, i Thegiornalisti, band guidata dalla Tommaso Paradiso, nuova autentica stella della musica italiana, ripartono con il loro “Love Tour”, nuovo attesissimo progetto live del gruppo. Alle date già annunciate in autunno, la band aggiunge oggi nuovi concerti a primavera 2019, tra cui quello che li vedrà protagonisti il prossimo 26 marzo al Palazzo del Turismo di Jesolo (inizio ore 21.00). I biglietti per questo nuovo importante appuntamento, organizzato da Zenit srl, in collaborazione con Città di Jesolo e Jesolo Turismo, saranno in vendita a partire dalle 10.00 di lunedì 1 ottobre on line su Ticketone.it e dalle 10.00 di giovedì 4 ottobre anche in tutti i punti autorizzati Ticketone. Info e punti vendita su www.azalea.it .



Avere i Thegiornalisti nella nostra città è qualcosa di entusiasmante - commenta l’assessore al Turismo di Jesolo, Flavia Pastò - un gruppo giovane per una città amata dai giovani. Ogni loro tappa in giro per l’Italia fa il tutto esaurito, a conferma dell’enorme presa che riescono ad avere sul pubblico con le loro canzoni. Li accogliamo nella nostra Jesolo a braccia aperte, sicuri che con la loro presenza, la musica ormai protagonista in città otterrà ulteriore slancio e, incrociamo le dita, anche il tutto esaurito al Palazzo del Turismo”.



Dal 21 settembre, “Love”, il nuovo album dei Thegiornalisti, è finalmente disponibile nei negozi in cd e vinile, nei digital store e in streaming. Il disco è stato anticipato dall’uscita dei singoli “Questa nostra stupida canzone d’amore” (doppio disco di platino digitale), “Felicità puttana” (doppio disco di platino digitale) e “New York”, brano attualmente in altissima rotazione radiofonica. “Love” da pieno sfogo al talento autorale e compositivo di Tommaso Paradiso che, insieme al produttore Dario Faini, ha dato vita a undici brani pop e contemporanei, destinati a diventare veri e propri inni generazionali.



Tommaso Paradiso, Marco Antonio Musella e Marco Primavera, i Thegiornalisti, si formano a Roma nel 2009. La band autoproduce i primi due dischi nati e scritti nel salotto di casa, così che a settembre 2011 esce prima “Vol.1” e qualche mese più tardi “Vecchio”. Il cambio di rotta e di stile avviene a fine 2013 quando firmano con Foolica e, nell’anno successivo, pubblicano “Fuoricampo”, disco prodotto da Matteo Cantaluppi, che riscuote un ottimo successo di critica e di pubblico. Da novembre 2014 sono impegnati nel “Fuoricampo tour” che li ha visti esibire in tutta Italia registrando nuovi numeri importanti. Nel 2015 Tommaso Paradiso firma la sua prima importante collaborazione, è coautore di “Luca Lo Stesso”, il singolo di Luca Carboni in vetta alle classifiche airplay. Nel 2016 i Thegiornalisti firmano con Carosello Records per l’uscita del nuovo disco: “Completamente Sold Out”. Con questo album, certificato disco di platino, conquistano grandi consensi di pubblico e ricevono numerosi premi, ai Rockol Awards, al Coca Cola Onstage Awards e ai Wind Music Awards e il PMI come migliore rivelazione del 2016. “Senza” – canzone che ha dato il titolo alle due date evento di maggio 2017 al Palalottomatica di Roma e al Mediolanum Forum di Milano – raggiunge il 1° posto della classifica Viral 50 Italia e il 5° della Viral 50 Global di Spotify. Il singolo “Pamplona” di Fabri Fibra feat. Thegiornalisti ha conquistato l’airplay radiofonico dopo pochissimi giorni e il Disco d’Oro Digitale. “Riccione”, che in meno di una settimana raggiunge il milione di views su Youtube, entra in top 20 dell’airplay radiofonico come più alta nuova entrata della settimana. Il singolo conquista anche il Triplo Disco Di Platino divenendo a pieno titolo il vero tormentone dell’estate: 1° posto dell’airplay radiofonico, 1° posto nella classifica iTunes, secondo posto nella classifica Top 50 Italia di Spotify, oltre 16 milioni di streaming, oltre 60 milioni di views su Youtube e vince il premio “Rtl 102.5 Power Hits – PMI” come singolo indipendente più suonato dalle radio nell’estate 2017. Mercoledì 21 marzo è uscito il singolo “Questa nostra stupida canzone d’amore”, brano che, insieme a “Felicità puttana” e “New York”, ha anticipato “Love” (Carosello Records), il nuovo album della band pubblicato il 21 settembre.



Fra i prossimi spettacoli al Palazzo del Turismo troviamo il ritorno sulle scene di Beppe Grillo, il 9 novembre con lo spettacolo “Insomnia (Ora dormo!)”, i tre grandi musical “Dirty Dancing” (16 novembre), “We Will Rock You” (10 gennaio 2019) e Grease (30 gennaio) e il grande ritorno di Pintus (20 aprile 2019). Biglietti in vendita, info su www.azalea.it .

 
Dal 21 al 28 ottobre torna "Jazz & Wine od peace"
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 24 Settembre 2018 22:57




Dal 21 al 28 ottobre torna in Italia il festival Jazz & Wine of Peace, esempio perfetto nel panorama nazionale della capacità di proporre turismo culturale abbinando musica e territorio, convivialità e spettacolo. Per una settimana il Collio friulano e sloveno, zona di produzione di vini fra i più pregiati al mondo, intreccia la bellezza della natura, la straordinarietà dei vini e dell’offerta gastronomica a un programma musicale che comprende i grandi nomi del jazz mondiale.

Oltre 40 i concerti della 21edizione, con un’anteprima a Vienna, dove il festival sarà presentato il 25 settembre. E artisti leggendari in arrivo, nel teatro di Cormòns, come John Scofield (il 25 ottobre, alle 21.30) per l’anteprima europea del suo nuovo disco in uscita, o Egberto Gismonti (venerdì 26, alle 21.30), un monumento della musica, o, ancora l’Art Ensemble of Chicago & Guests (sabato 27, alle 21.30). E poi concerti abbinati a degustazioni enogastronomiche, a ingresso libero per gli appuntamenti nei locali “round midnight”, eventi collaterali fra i quali “Jazz, Wine & Bike in bici per il Collio” o la presentazione della nuova Guida Slow food Osterie d'Italia 2019 in italiano e in tedesco (sono moltissimi gli ospiti in arrivo dall’Austria e dalla Germania). E saranno oltre 25 le cantine coinvolte.

 

Un programma denso per un festival davvero itinerante, che dal Teatro di Cormòns, centro nevralgico della manifestazione, si allargherà portando la musica nelle migliori cantine e aziende vinicole del Collio, in alcune tra le più suggestive ville e dimore storiche del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia e in molti altri luoghi incantevoli.

 

UNA PARATA DI STELLE DEL JAZZ

Si comincia mercoledi 24 ottobre con il jazz multiculturale dell’Avishai Cohen Quartet (Israele, USA) capitanato da un musicista che “come Miles Davis può fare della tromba un veicolo per pronunciare i più toccanti lamenti umani” (New York Times). Si prosegue con The Bad Plus (USA), una vera e propria ventata di aria fresca...

giovedì 25 ottobre Ghost Horse (USA, Italia), sestetto con una miscela irresistibile di free jazz, hip hop e loop music; Saxofour (Austria), esplosivo quartetto di sassofoni per l’occasione arricchito da basso e batteria; Miller's Tale (Switzerland, USA, U.K., Japan) quartetto unico e musica improvvisata nella sua massima espressione; Arild Andersen Trio (Norway, Scotland, Italia) che ruota attorno a una delle figure chiave del jazz europeo; JOHN SCOFIELD, che in anteprima europea presenterà a Cormòns il suo nuovo album “Combo 66” affiancato da tre formidabili musicisti.

venerdì 26 ottobre Renaud Garcia-Fons “Solo” (France), il grande virtuoso di contrabbasso che condurrà l’ascoltatore in un viaggio immaginario attraverso il tempo e lo spazio; Tell No Lies (Italia), quintetto che regalerà un pieno di energia e un sound possente; Gaetano Valli (Italy), intimo omaggio a Chet Baker con il trio tromba-contrabbasso-chitarra; Yussef Dayes Trio (U.K.), ovvero “il Ritmo” secondo The Indipendent; EGBERTO GISMONTI, con il suo immenso, unico, talento di polistrumentista e compositore.

sabato 27 ottobre East West Daydreams (Romania, Argentina, Slovenia), ensemble che fonde le esperienze di Alexander Balanescu, Javier Girotto e Zlatko Kaučič; XY Quartet (Italia), gruppo che spazia fra jazz e ricerca con fluidità e leggerezza; The Thing (Sweden, Norway), trio il cui stile è stato definito "garage-jazz" e "impro-punk"; ART ENSEMBLE OF CHICAGO & GUESTS, la storica band che ha conquistato il pubblico di tutto il mondo.

domenica 28 ottobre Roots Magic (Italia), quartetto con un repertorio nato intorno all'idea di reinvenzione della radice blues; Richard Sinclair (U.K.), uno dei personaggi più importanti del leggendario “Canterbury Sound” anni ‘70; David Helbock´s Random Control (Austria) con oltre venti strumenti suonati sul palco! e Moses Boyd Exodus (U.K.), quartetto condotto da Moses Boyd, musicista che sta guidando la rinascita del jazz britannico.



LE ANTEPRIME

Martedì 25 settembre, alle 20.30, prestigiosa presentazione del festival Jazz & Wine of Peace” in Austria, al Porgy & Bess Jazz & Music Club di Vienna, con il concerto Amori Sospesi (Gabriele Mirabassi, Nando Di Modugno e Pierluigi Balducci).

Domenica 21 ottobre, alle 12, nell’auditorium di Villa Santa Maria della Pace, a Medea (Go), i Boogie Nuts (Luca Grizzo, Andrea Casti, Paolo Corsini, Enrico Maria Milanesi e Mauro Darpin). In apertura alle 11, The Mutes Thieves, big band della scuola di musica della Società Artistico Filarmonica di Cormòns diretta da Andrea Bonaldo; degustazione del Vino della solidarietà, in collaborazione con Cantina Produttori di Cormons e incasso interamente devoluto all’ANFASS Onlus: alle 18, nell’ Az. Agricola Castello di Rubbia di San Michele del Carso (Gorizia), il Milko Lazar & Massimo De Mattia Duo, in collaborazione con il Circolo KUD Morgan e il Kulturni Dom Gorizia.

Martedì 23 ottobre, alle 20, nell’Azienda agricola Castello di Rubbia di San Michele del Carso (Go) 4x8 (4 Volte 8), reading multimediale coordinato dall'attrice Luisa Vermiglio, musiche dal vivo del Quintetto di Giovanni Maier (Francesco Ivone, Flavio Brumat, Lauro Rossi, Giovanni Maier e Urban Kušar) e proiezione di immagini del fotografo Luca d'Agostino, in collaborazione con Kulturni Dom Gorizia.

 

ROUND MIDNIGHT (music & food nei locali) E ALTRI EVENTI COLLATERALI

Anche quest’anno il cartellone dei concerti è affiancato da un ricco calendario di eventi collaterali, a partire dagli appuntamenti di ROUND MIDNIGHT, connubio di music&food, che si terranno nei locali di Cormòns, a ingresso libero e che sono diventati ormai un vero e proprio festival nel festival. Sono inoltre previsti percorsi cicloturistici, storico-architettonici e visite guidate attraverso paesaggi, vigneti e cantine del Collio; la presentazione della Guida Slow Food Osterie d’Italia 2019 e gli itinerari gastronomici di Jazz & Taste, in cantine storiche, con musiche a cura di Eduardo Contizanetti; le Etichette d’autore, che quest’anno cambia vesti e diventa un concorso su scala mondiale in collaborazione con Clauiano Mosaic Symposium. E, ancora, la presentazione del libro “Grande Musica Nera - Storia dell’Art Ensemble of Chicago” di Paul Steinbeck; la mostra fotografica itinerante (nei vari luoghi del festival) Sconfini. Vent’anni di Jazz&Wine of Peace, di Luca A. D’Agostino; Jazz, Wine and Movie, che, in collaborazione con Il Palazzo del Cinema di Gorizia, vedrà premiare il corto che meglio saprà rappresentare l’anima del festival, tra musica e territorio.

Domenica 28 ottobre sarà infine ospitato un evento speciale nella Tenuta Villanova di Farra d’Isonzo: Go Red For Women per Jazz&Wine, convegno che affronterà la medicina di genere e, in particolar modo, l’impatto sulla salute della musicoterapia.

 

CONTROTEMPO E IL SUO JAZZ SENZA CONFINI

Nata nel 1998 per iniziativa di un gruppo di appassionati riuniti nel Circolo Culturale Controtempo, la manifestazione è negli anni cresciuta fino a diventare il cuore della sua programmazione – portando nel Collio protagonisti mondiali del jazz come Dave Brubeck, McCoy Tyner, Jan Garbarek, Stanley Clarke, Charles Lloyd, Sun Ra Arkestra, Joe Jackson, Richard Galliano, solo per citarne alcuni fino a raggiungere la configurazione attuale. Ma l’identità è rimasta la stessa dell’intuizione iniziale: utilizzare la ricca e prestigiosa produzione enologica e la musica jazz nel segno del superamento dei confini politici, geografici e culturali, del valore della "mescolanza" delle genti e dell’abbattimento dei confini.

Il concetto di “confine” (geografico, tra Italia e Slovenia, e… dell’anima) diventa elemento di unione di tipicità diverse all’insegna della musica e della pace: un brindisi con i vini locali è un must alla fine di ogni concerto.

 

INFORMAZIONI

Il programma integrale di “Jazz & Wine of Peace” è disponibile sul sito www.controtempo.org

 

ABBONAMENTI E BIGLIETTI

prevendite già attive su Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ,

circuito vivaticket dal 25 settembre

 

info: www.controtempo.org, 0039 347 4421717

 

 
Malika Ayane a febbraio al teatro Nuovo di Udine
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 24 Settembre 2018 22:22




Nuovo disco e nuovo tour per Malika Ayane, cantautrice fra le più amate dal pubblico italiano, voce unica del panorama musicale nazionale, che torna prepotentemente sulle scene con “Domino”, disco con cui festeggia i dieci anni di carriera, in uscita il 21 settembre, e con un nuovo tour che la vedrà impegnata nei club e nei teatri d’Italia nei prossimi mesi. In Friuli Venezia Giulia l’unico appuntamento con Malika Ayane è per il 4 febbraio 2019 (inizio alle 21.00) al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, per l’organizzazione di Zenit srl, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG, Comune di Udine e Teatro stesso. I biglietti per il nuovo importante appuntamento saranno in vendita a partire dalle 11.00 di venerdì 21 settembre sul circuito Ticketone. Info e punti vendita su www.azalea.it .


Così come l’album “Domino” è nato come un proseguo di “Naif”, anche il “Domino Tour” riparte da un esperimento già iniziato nel “Naif Tour”: Malika Ayane presenterà gli stessi brani in modi completamente diversi, mescolando elementi di arrangiamento e andando verso strade apparentemente diversissime eppure fatte della stessa anima. I concerti nei teatri saranno caratterizzati da suoni morbidi e pieni, con una ricerca di sonorità finalizzata ad avvicinare i brani di repertorio a quelli inediti; sul palcoscenico Malika sarà accompagnata da: Daniele Di Gregorio alla marimba, Carlo Gaudiello al piano, Marco Mariniello al basso, Nico Lippolis alla batteria e Jacopo Bertacco alla chitarra. I live nei club saranno caratterizzati dagli stessi brani ma riportati allo scheletro, con una concezione più ruvida ed essenziale; sul palco, in questa versione, la cantautrice milanese al synth, Jacopo Bertacco alla chitarra, Nico Lippolis alla batteria.


Domino” è il quinto progetto discografico di Malika Ayane e rappresenta il grande ritorno sulle scene della cantautrice milanese dopo tre anni di assenza, durante i quali ha lavorato alla produzione del disco insieme ad Axel Reinemer e Stefan Leisering al Jazzanova Recording Studio di Berlino. “Domino”, è stato elaborato e scritto tra Milano, Londra e Parigi, con la collaborazione di importanti autori internazionali già al suo fianco nell’album “Naif”. Dieci canzoni scritte da Malika nell’arco di due lunghi e intensi anni di lavoro trascorsi a guardarsi dentro e intorno, alla ricerca di punti di vista sempre nuovi e diversi per offrire al mondo le sue emozioni in parole e musica. Pezzi di sé. Il disco rappresenta una delle sue produzioni più mature: come il gioco del Domino anche qui siamo di fronte a una serie di pezzi che danno la possibilità di essere mescolati e ordinati in modo ogni volta diverso, così come il risultato che ne deriva. Non sono solo pezzi di Malika, ma pezzi nei quali tutti possiamo ritrovarci, pezzi di noi.


Fra i prossimi spettacoli al Teatro Nuovo Giovanni da Udine troviamo anche il ritorno di Ale e Franz (29 novembre), Pintus (1 e 2 novembre), Pucci (6 dicembre), Giuseppe Giacobazzi (20 aprile), e lo spettacolo di percussioni e balli acrobatici STOMP (15 e 16 dicembre). Biglietti in vendita, info su www.azalea.it .

 
La Pfm ricorderà De Andrè con un concerto a marzo al Nuovo di Udine
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 24 Settembre 2018 21:59




In occasione del quarantennale dei live “Fabrizio De André e PFM in concerto” e a vent’anni dalla scomparsa del poeta, la PFM - Premiata Forneria Marconi, nella prossima primavera, tornerà straordinariamente sui palchi di tutta Italia con “PFM canta De André - Anniversary”, uno strepitoso tour per celebrare lo storico sodalizio con il cantautore genovese e riproporre una serie di concerti dedicati a quell’evento. Per rinnovare l’abbraccio tra il rock e la poesia, alla scaletta originale saranno aggiunti anche brani tratti da “La buona Novella”. In Friuli Venezia Giulia l’unico appuntamento con la Pfm sarà il 15 marzo 2019 (inizio alle 21.00) al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, per l’organizzazione di Zenit srl, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia, PromoTurismoFVG, Comune di Udine e Teatro stesso. I biglietti per il nuovo importante appuntamento saranno in vendita a partire dalle 12.00 di martedì 25 settembre sul circuito Ticketone. Info e punti vendita su www.azalea.it .

PFM canta De André - Anniversary” avrà sul palco una formazione spettacolare, con due ospiti d’eccezione: Michele Ascolese, chitarrista storico di Faber, e la magia delle tastiere di Flavio Premoli. Fabrizio disse: «La nostra tournée è stata il primo esempio di collaborazione tra due modi completamente diversi di concepire e eseguire le canzoni. Un'esperienza irripetibile perché PFM non era un'accolita di ottimi musicisti riuniti per l'occasione, ma un gruppo con una storia importante, che ha modificato il corso della musica italiana. Ecco, un giorno hanno preso tutto questo e l'hanno messo al mio servizio...».

PFM canta De André - Anniversary” arriva dopo l’intenso tour mondiale che ha riscosso un travolgente successo dal Giappone alle

Americhe, passando per il Regno Unito, per poi fare tappa nel nostro paese durante tutta l’estate. Durante i concerti, oltre ai più grandi successi del suo vastissimo repertorio, PFM ha presentato anche brani tratti dal nuovo album “Emotional Tattoos” (uscito in tutto il mondo lo scorso 27 ottobre, per InsideOutMusic/SonyMusic). Il 13 settembre PFM è stata premiata a Londra come “Miglior artista internazionale dell’anno” ai Prog Music Awards UK 2018.


La band è stata invitata, per la terza volta, a salire a bordo della “Cruise to Ruise to the Edge” (CTTE) che partirà a febbraio da Miami. PFM – Premiata Forneria Marconi è l’unico artista italiano che parteciperà all’evento insieme alle più grandi prog band del mondo, capitanate degli YES. PFM Premiata Forneria Marconi è un gruppo musicale molto eclettico ed esuberante, con uno stile distintivo che combina la potenza espressiva della musica rock, progressive e classica in un'unica entità affascinante. Nata discograficamente nel 1971, la band ha guadagnato rapidamente un posto di rilievo sulla scena internazionale, entrando nel 1973 nella classifica di Billboard (per “Photos Of Ghosts”) e vincendo un disco d'oro in Giappone. Continua fino ad oggi a rappresentare un punto di riferimento. Recentemente PFM è stata premiata con la posizione n. 50 nella "Royal Rock Hall of Fame" di 100 artisti più importanti del mondo.

Fra i prossimi spettacoli al Teatro Nuovo Giovanni da Udine troviamo anche il ritorno di Ale e Franz (29 novembre), Pintus (1 e 2 novembre), Pucci (6 dicembre), Giuseppe Giacobazzi (20 aprile), lo spettacolo di percussioni e balli acrobatici STOMP (15 e 16 dicembre) e il concerto di Malika Ayane (4 febbraio). Biglietti in vendita, info su www.azalea.it .

 

 
Andy McKee al Miela di Trieste
News
Scritto da Musicologi   
Mercoledì 19 Settembre 2018 17:44




Tra i migliori chitarristi acustici al mondo, Andy McKee arriva in Italia per un tour di quattro date. La prima è mercoledì 26 settembre al Teatro Miela di Trieste (serata conclusiva della rassegna “Hot in The City” organizzata da Trieste is Rock e Good Vibrations.)

 

In apertura il chitarrista triestino Emanuele Grafitti presenta il suo nuovo album.

 

Andy McKee è un artista di livello straordinario, con un’implacabile energia, una grande attenzione per la struttura dei brani e per il contenuto melodico. Capace di catturare sia l’occhio che l’orecchio, McKee trasforma magicamente la sua chitarra in un’orchestra completa tramite l’uso di accordature alterate, tapping, colpi percussivi. Ha raggiunto milioni e milioni di spettatori su YouTube costruendo un successo strepitoso che gli ha permesso di essere annoverato tra gli artisti più unici e influenti di oggi.

 

Le date live del tour di Andy McKee hanno portato il chitarrista in Europa, Asia, Australia e Nord America, incluse tournée con artisti leggendari quali Prince e i Dream Theater. I suoi concerti sono diventati momento di attrazione magica per i suoi fan, tanto da fargli decidere di pubblicare nel 2015 un album dal vivo. Live Book è una raccolta di brani registrati in live nel dicembre del 2015 al The Melting Point di Atene, al Red Clay Music Foundry di Duluth e al Workplay di Birmingham.

 

www.andymckee.com

 

 

special guest:

☆☆☆ EMANUELE GRAFITTI “Release party” ☆☆☆

Presentazione ufficiale del nuovo disco di Emanuele Grafitti intitolato “Stories of a Hollow Wood”

Emanuele Grafitti nasce a Trieste il 10.03.1992. Nel 2012 si diploma in Chitarra Classica al Conservatorio G.Tartini di Trieste e nel 2015 consegue la laurea di specializzazione in Jazz con il massimo dei voti. Fin dalla giovane età partecipa a vari concorsi internazionali di musica classica e musica jazz. Nel 2009 vince il premio “Franco Russo” in seno al Festival Internazionale Trieste Loves Jazz, quale miglior talento emergente in ambito jazz. Nel 2010 vince il concorso “Porsche Live Giovani e jazz” e viene premiato da Lucio Dalla, con cui ha anche l’onore di salire sul palco per un blues improvvisato.

Negli anni produce diversi dischi tra cui “Travellin” (BlueSerge), Zen Garden (Caligola Records) e “Start from Scratch” (Birdland Sound), tutti caratterizzati da composizioni originali.

L’amore per la chitarra acustica nasce nel 2008 quando frequenta un corso con il maestro Franco Morone. Da subito questo strumento gli ispira nuove composizioni e ciò lo porterà a suonare in diversi Festival Internazionali (Madame Guitar, FolkEst, Trieste Loves Jazz etc…). Alla fine del 2015 inizia la collaborazione con il maestro Stefano Barone che decide di registrare e produrre il suo nuovo album “Emanuele Grafitti”, caratterizzato da dieci composizioni originali per chitarra sola.

Ha vinto nell’estate 2016 il concorso “Premio ADGPA miglior chitarrista Emergente”, con conseguente premio, ovvero la partecipazione al più importante festival di chitarra europeo a Issoudun in Francia.


TICKETS

I biglietti sono disponibili presso:

- SEDE TRIESTE IS ROCK (Via Crosada 3) LUNEDì e GIOVEDì dalle 17 alle 19 – MARTEDì dalle 11 alle 12

- IN TUTTI I PUNTI VENDITA VIVATICKET D’ITALIA (cerca il più vicino suwww.vivaticket.it)

- ONLINE SUL SITO VIVATICKET: https://www.vivaticket.it/ita/event/andy-mckee-italian-tour-2018/111915

Prevendite a Trieste:

- Ticketpoint, Corso Italia 6/c, Trieste (TICKET NON SOCI)
- Libreria Minerva, Via San Nicolò, Trieste – Tel. 369340 (TICKET NON SOCI)
- Animal House, Strada di Fiume 7c, Trieste – Tel 040/2604428. (TICKET NON SOCI)
- Radioattività, Via campo Marzio 6 - Trieste

Di seguito i prezzi:
SOCI TRIESTE IS ROCK: prevendita 17 euro – intero 22 euro
NON SOCI: prevendita 20 euro – intero 25 euro

____________________________________________

PER INFORMAZIONI:

siti:
www.triesteisrock.it
www.good-vibrations.it
https://www.barleyarts.com/

mail:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
Il recital "Dirty dancing" a novembre a Jesolo
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 20 Agosto 2018 17:43




Quando nel 1987 l’autrice Eleanor Bergstein scrisse la storia di “Dirty Dancing – Balli Proibiti” non si sarebbe mai immaginata un tale successo. Il racconto di Baby e della sua storia d’amore con Johnny, il bel maestro di ballo, nata in una lontana estate degli anni ’60 nella scanzonata atmosfera del resort Kellerman, si è trasformato in un vero e proprio cult senza tempo a livello cinematografico e teatrale. A tre decenni di distanza il musical continua ad affascinare e divertire il pubblico di tutto il mondo e ovviamente anche quello italiano, che vedrà lo spettacolo di nuovo in scena in autunno con nuove date, tra cui quella in programma venerdì 16 novembre al Palazzo del Turismo di Jesolo. I biglietti per questo nuovo importante appuntamento, organizzato da Zenit Srl, in collaborazione con Città di Jesolo e Jesolo Turismo, saranno in vendita a partire dalle 12.00 di lunedì 20 agosto sul circuito Ticketone. Info e punti vendita su www.azalea.it .

 

Dirty Dancing è un titolo da record: un successo planetario al cinema, un Golden Globe e un Oscar per il brano “(I've Had) The Time of My Life”, oltre 40 milioni di copie della colonna sonora vendute e, solo negli Stati Uniti, oltre 11 milioni di dvd e Blu-ray. A teatro, in paesi di consolidata tradizione di spettacoli musicali come Inghilterra e Germania, ha ottenuto i più alti incassi nella storia del teatro europeo.

In Italia lo spettacolo ha debuttato per la prima volta in assoluto nel 2014, al Teatro Nazionale di Milano, ed ha registrato il record d’incassi con oltre 115.000 presenze nei primi 3 mesi di rappresentazione; ben 8.000 persone hanno inoltre assistito alla speciale rappresentazione all’Arena di Verona nell’agosto del 2015. Per il pubblico la versione teatrale è oramai, come succede per il film, un classico da vedere e rivedere per vivere ogni volta tutte le emozioni e la magia di una storia senza tempo.

Dirty Dancing, the Classic Story on Stage” ha la capacità di conquistare e coinvolgere non solo gli habitué del genere, ma di avvicinare al teatro tutta una nuova ed eterogenea parte di pubblico, impaziente di assistere “dal vivo” alla storia d’amore tra Johnny e Baby raccontata da musiche e coreografie indimenticabili, fedelmente riprese dalla versione cinematografica.

Lo speciale allestimento per i 30 anni del film è firmato dal regista Federico Bellone, con la supervisione di Eleanor Bergstein, autrice del film e dello spettacolo teatrale, nella fase di scelta del cast. Il sodalizio artistico tra Bellone e produzione internazionale di Dirty Dancing inizia nel 2014, ma è nel 2015 che Federico firma la sua prima regia di Dirty Dancing, diventata subito la versione ufficiale ed internazionale dello spettacolo e adottata per i debutti in Inghilterra (sia Londra che in tour), Germania, Spagna, Austria, Monte Carlo, Messico, Belgio, Lussemburgo e presto Francia.

Anche in questa nuova versione la colonna sonora comprenderà, oltre all’iconico brano vincitore di un Premio Oscar e di un Golden Globe - “(I’ve Had) The Time Of My Life” -, hit indimenticabili come “Hungry Eyes”, “Do You Love Me?”, “Hey! Baby” e “In the Still of the Night”.

 



 
Già in vendita per lo spettacolo "We will rock you"
News
Scritto da Musicologi   
Lunedì 20 Agosto 2018 17:39




Dopo il grande successo del 2009 e 2010, “We Will Rock You”, lo spettacolo con i più grandi successi dei Queen e tra i musical più rappresentati al mondo, è finalmente pronto a ritornare sulle scene italiane da ottobre: dopo il boom di candidature alle audizioni, vengono finalmente presentati i nomi dei nuovi protagonisti. Intanto il calendario del lungo tour italiano continua ad arricchirsi di altre date, tra cui quella del prossimo 10 gennaio al Palazzo del Turismo di Jesolo. I biglietti per questo nuovo importante appuntamento saranno in vendita a partire dalle 12.00 di lunedì 20 agosto sul circuito Ticketone. Info e punti vendita su www.azalea.it .

 

Oltre 8 milioni di spettatori, 2700 performance e 12 anni consecutivi di rappresentazioni a Londra: sono questi i numeri di “We Will Rock You”, il musical che mette in scena 24 tra i maggiori successi dei Queen e riflette le performance live della storica band. Lo spettacolo è stato prodotto da Ben Eltonin collaborazione con Roger Taylor e Brian May. Lo show ha debuttato al Dominion Theatre di Londra il 12 maggio 2002 e il successo fu così eclatante da entrare nella Top 10 degli show più longevi nella storia del West End. Il musical ha debuttato in Italia il 4 dicembre 2009 all’Allianz Teatro di Milano, riscuotendo anche nel nostro Paese un grande successo di pubblico. A decretare una tale accoglienza la scelta, condivisa dai Queen stessi, di mantenere le canzoni in inglese (tranne due) e di tradurre e riadattare solo i dialoghi.

Quella che ammireremo a Jesolo sarà una nuovissima produzione rispetto allo spettacolo precedente, concepita appositamente per il nostro Paese da Claudio Trotta per Barley Arts. Pur mantenendo la storia, i personaggi e le musiche originali, che verranno eseguite da una band dal vivo, questo è un nuovo allestimento, attento a sottolineare l’aspetto politico, attuale e visionario alla base del musical e completamente rinnovato sotto ogni aspetto: dalla Regia, affidata al candidato Lawrence Olivier Award Tim Luscombe, alla scenografia concepita da Colin Mayes, fino alle coreografie curate da Gail Richardson. La direzione artistica e il cocal coaching sono affidati a Valentina Ferrari, mentre Riccardo Di Paola è alla direzione musicale, Antonio Torella alla direzione vocale e Cristina Trotta il produttore esecutivo.

Sul palco un cast composto da talentuosi cantanti-attori: Salvo Vinci nella parte di Galileo e Alessandra Ferrari in quella di Scaramouche. Valentina Ferrari sarà Killer Queen, mentre Paolo Barillari sarà Khashoggi. Claudio Zanelli sarà Britt, Loredana Fadda Oz, mentre Massimiliano Colonna vestirà i panni di Pop. Per le nuove stagioni il progetto artistico privilegerà l’attualizzazione e la contemporaneità della vicenda. Uno spettacolo unico nel suo genere che, con grande lungimiranza, ha ipotizzato, in un futuro distopico in cui il rock viene bandito e i suoi seguaci costretti a nascondersi, una società vittima della globalizzazione più totale e alla mercé di una multinazionale che controlla non solo la musica ma la vita dei singoli individui.

 

 

 

 
E' sold out per il concerto di Sfera Ebbasta a Lignano
News
Scritto da Musicologi   
Martedì 31 Luglio 2018 11:59




Il concerto di Sfera Ebbasta, l’artista più discusso del momento, idolo del pubblico giovane, in programma all’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro sabato 4 agosto, è andato sold out in prevendita. Non verranno pertanto venduti biglietti alla cassa il giorno dello spettacolo. Un successo strepitoso per il trap king e per il suo “Rockstar Tour 2018”, tournée che segue la pubblicazione dell’omonimo album “Rockstar”, fra i più venduti dell’anno. Il concerto lignanese di Sfera Ebbasta è organizzato da Città di Lignano Sabbiadoro e Zenit srl, in collaborazione con Regione Friuli Venezia Giulia e PromoTurismoFVG. Ma veniamo alle informazioni utili ai tantissimi fan che raggiungeranno l’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro nella giornata di sabato. Al fine di facilitare la permanenza del pubblico ed evitare la creazione di lunghe code all'esterno dell'Arena Alpe Adria, l'area verde antistante l'arena sarà aperta ai fan muniti di biglietto già a partire dalle 14.00. Lo spazio sarà provvisto di servici igienici, acqua e aree ristorazione. Ecco quindi tutti gli orari della giornata: alle 14.00 aprirà la biglietteria per il cambio dei biglietti acquistati su internet e, come detto, l’area verde dell’arena. Le porte dell’area concerto apriranno alle 19.00, mentre lo spettacolo inizierà alle 21.30. Tutte le info su www.azalea.it .



Considerato come uno dei migliori rapper della nuova generazione contemporanea italiana e internazionale, Sfera Ebbasta, re della trap all'italiana, è il personaggio più fresco e seguito del momento con oltre un milione di followers su Instagram. Il suo omonimo primo album, certificato disco di platino, è un best seller della cultura hip hop, e dopo 65 settimane dall'uscita rimane ancora nella top 40 dei dischi più venduti. Il caso discografico di Sfera e il suo personale percorso è stato anche protagonista del progetto editoriale “Zero”, prima e vera autobiografia del rapper. Gionata Boschetti, in arte Sfera Ebbasta, è conosciuto e adorato da adolescenti e non in tutta Italia. L’immaginario di Sfera Ebbasta affronta con una spontaneità quasi disarmante le tematiche della vita nei quartieri con lo sguardo critico e attento di chi il quartiere lo ha vissuto per davvero, descrivendo con estrema chiarezza uno spaccato di realtà giovanile comune in molte periferie delle principali città italiane. Il suo primo album in studio da solista è “Sfera Ebbasta” (2016), dal quale ricordiamo i singoli “BRNBQ”, “Cartine Cartier” e “Figli Di Papà”, quest’ultimo certificato disco di platino. Il disco debutta in ottima posizione in Italia ed entra anche nelle classifiche di vari paesi europei. Il 3 gennaio 2018 viene annunciato il terzo album “Rockstar”, la cui edizione internazionale è caratterizzata da collaborazioni con svariati artisti quali Tinie Tempah e Rich the Kid. Grazie al successo dell’ultimo disco, Sfera Ebbasta è divenuto il primo artista italiano ad entrare nella top 100 mondiale della piattaforma di streaming Spotify, con una media di 8 milioni di ascolti al giorno.

Fra i prossimi grandi concerti in programma all’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro ricordiamo i live del rapper Gemitaiz (10 agosto) e il concerto della punk rock band Sum 41 (1° settembre). Biglietti in vendita su www.azalea.it .

 

 
Eugenio Finardi suonerà a Trieste venerdì
News
Scritto da Musicologi   
Martedì 24 Luglio 2018 09:45




Eugenio Finardi sarà di scena venerdì 27 luglio nel Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto a Trieste, ospite della rassegna “Hot in the city” prodotta da Good Vibrations con la collaborazione di Trieste is rock e il Comune di Trieste.

Nel 2016 aveva riempito il Teatro Miela con “40 anni di musica ribelle”, torna a San Giusto dove suonò nel 1979 e questa volta porta “Finardimente”, una parola composta che è insieme un avverbio, un nome, un verbo. Tre modi per rispondere al dubbio su cosa sia la Verità nell’Arte. Questo sarà il nuovo show tra musica e parole di Eugenio Finardi dove il cantautore cercherà di svelare la sua verità dietro ogni forma di rappresentazione artistica con un racconto sincero e sfacciato delle emozioni di intere generazioni e, ovviamente, la sua musica!


Dopo il successo dei suoi precedenti lavori teatrali “Acustica”, “Suono”, “Il Silenzio E Lo Spirito” e “Parole e Musica”, Eugenio Finardi propone un nuovo progetto in cui scava ancora di più nel senso profondo delle canzoni e del motivo per cui l’unione tra l’Assoluto della Musica e L’Assolutamente Soggettivo delle Parole riesce a creare emozioni condivise, che superano in intensità la somma dei singoli fattori. Inserito in una scenografia calda e discreta e accompagnato da una formazione inusuale e raffinata (Giovanni “Giuvazza” Maggiore alle chitarre, Claudio Arfinengo alle percussioni, Marco Lamagna al basso e Federica Finardi Goldberg al violoncello, Alex Catania alle tastiere), Finardi darà libero sfogo alle sue doti di affabulatore per accompagnare il pubblico in un percorso di racconti e considerazioni che toccheranno temi universali ma anche aneddoti intimi, generando un’ampia tavolozza di emozioni, dalle risate alla commozione. In scaletta, insieme ai brani fondamentali della sua lunga carriera, anche alcune chicche mai eseguite dal vivo, che ciononostante sono diventate nel tempo dei classici, come “Il Vecchio Sul Ponte” e “Shamandura”. Ma Eugenio si sentirà anche libero di improvvisare lasciandosi influenzare dall’atmosfera e dalle suggestioni del pubblico.

L’artista milanese sta vivendo un momento magico e l’entusiasmo con cui si spende in ogni performance si trasmette al pubblico, che esce dalla sala con la sensazione di non essersi solo divertito ma sentendosi arricchito da un contatto personale e profondo, come con un vecchio amico.

 

OPENING PAOLA ROSSATO: Ad aprire la serata sarà la cantautrice goriziana Paola Rossato che ha pubblicato il suo album di debutto “Facile” il primo aprile. Registrato e missato al Birdland Studio da Francesco Marzona con la collaborazione di noti musicisti della scena regionale come Sergio Giangaspero (chitarre), Simone Serafini (basso, contrabbasso e violoncello), Ermes Ghirardini (batteria e percussioni), Gianpaolo Rinaldi (pianoforte, hammond), Mirko Cisilino (tromba) e ospite speciale il rapper Doro Gjat. La cantautrice di Gorizia in questi anni ha avuto importanti conferme: terzo posto al premio Lunezia nel 2008, premio speciale della critica nel 2010 e 2012 e premio miglior composizione al concorso per cantautrici Bianca d’Aponte, secondo posto al Premio Poggio Bustone (in memoria di Lucio Battisti) nel 2012, premio Oltremusica nel 2012, premio Siae al Donida nel 2013 e nello stesso anno di nuovo premio Lunezia e miglior testo al festival Botteghe d’Autore e di recente in lizza al Premio Tenco.

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI:

Sabato 28 luglio

6 Pence Queen Tribute

h 21

Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto

 

Lunedì 30 luglio

Francesco Piu full band

40 Fingers Guitar Quartet

h 21

Piazza Verdi

Entrata libera

 

Martedì 31 luglio

Mike Sponza

h 21

Piazza Verdi

Entrata libera

 

 

Anticipazione agosto – settembre:

 

Emma Morton & The Graces, Canto Libero, Frank Get, Andy McKee.

 


Info: 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

 

 
Delirio gipsy punk con i Gogol Bordello al Festival di Majano
Recensione Concerto
Scritto da Edoardo Bortolotti   
Martedì 24 Luglio 2018 09:36




Il Festival di Majano ha da sempre portato grandissimi nomi del panorama mondiale nel palco della sagra del paese, da far invidia alla più rinomata e più ricca confinante San Daniele, e anche quest’anno la pro loco majanese non è stata da meno ospitando tra gli altri uno dei gruppo più apprezzati nel panorama gipsy punk mondiale. Stiamo parlando dei Gogol Bordello, che proprio ieri hanno chiuso l’ultima tappa italiana del loro tour nel piccolo paese di provincia.


Tra i profumi di wiener schnitzel e carne alla griglia in un campo da calcio bagnato da una pioggerellina estiva ha inizio uno degli spettacoli più divertenti e coinvolgenti a cui si possa assistere. La band statunitense entra in scena piena di energia e voglia di fare festa in un atmosfera da festa folk balcanica.


Il leader del gruppo ucraino Eugene Huz, accompagnato per quasi tutto il concerto da una bottiglia di rosso, canta senza sosta tutta la scaletta, spalleggiato dai suoi compagni Sergey Ryabtsev violinista russo, Pasha Newmer seconda voce e fisarmonica bielorussa, Michael Bernard Ward chitarrista statunitense, Thomas 'Tommy T' Gobena bassista etiope, Oliver Francis Charles batterista statunitense, Elizabeth Chi-Wei Sun percussionista scozzese e Pedro Erazo percussionista e seconda voce dell’Ecuador. Nonostante il pot pourry di etnie, la band è affiatata e oltre a divertire il pubblico, sembra divertirsi parecchio. Un’ora e quaranta di puro delirio: Eugene mezzo ubriaco salta come un grillo, senza mai sbagliare una nota, Sergey suona il suo violino elettrico con energia e velocità come solo un ex soldato sovietico saprebbe fare, Pasha quando non è alle prese con la fisarmonica o con la grancassa si esibisce in spettacoli al limite dell’erotico e Pedro, che sembra appena uscito da un film sul genocidio dei nativi sudamericani, corre a destra e a manca cantando e suonando.


Inutile a dirlo le canzoni più apprezzate dal pubblico sono quelle degli album precedenti, tratte da “Super Taranta!” e “Gypsy Punks: Underdog World Strike”, in ogni caso tutto lo spettacolo è molto ben gradito al pubblico che danza e balla, urla e si spintona sulla melodia convulsiva dei Gogol Bordello. Alla fine Eugene e Sergey tirano fuori il loro asso dalla manica conquistando definitivamente il cuore dei paesani con un inedito che è una serie di parolacce e bestemmie in italiano che trova l’apprezzamento di molti (ma non di tutti).


 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 308

Iscriviti alla newsletter


Direttore responsabile: Piero Cargnelutti - Caporedattore: Piero Cargnelutti - Registrazione del Tribunale di Tolmezzo n. 141 dell'8/4/2003
Webmaster Lorenzo Tempesti | Grafica Francesca Luzzi
La redazione declina ogni responsabilità riguardo a errori o imprecisioni nelle informazioni riportate.
(C) 2000-2012 Associazione Musicologi c.f. e p.iva 02177400302 - Inviate le vostre segnalazioni a info@musicologi.com